Unione dei Comuni: “Chi torna dalle zone rosse deve segnalarlo alla Asl e si deve auto-isolare.”

I sindaci dell’Unione dei Comuni del Casentino: “Chi torna dalle zone rosse deve segnalarlo alla Asl e si deve auto-isolare. Rientrate solo se necessario”.

La Regione Toscana sta lavorando ad un’ordinanza che prevede la quarantena obbligatoria per tutti i cittadini provenienti dalle zone rosse. In forza di tale provvedimento i sindaci dell’Unione dei Comuni del Casentino invitano i propri cittadini, che attualmente si trovano in tali zone, a rientrare nei comuni di residenza e nelle seconde abitazioni solo per cause di forza maggiore o per motivi specifici. Tuttavia anche in queste circostanze ogni cittadino è tenuto a comunicare il proprio rientro alla Asl competente per territorio nonché al proprio medico e a mettersi in autoisolamento per 14 giorni. “Siamo al lavoro in modo costante per garantire il rispetto delle norme nell’interesse di tutta la comunità – hanno dichiarato i sindaci – cambiare il nostro stile di vita è un comportamento necessario per contenere la diffusione dei virus e per non rischiare che il nostro territorio diventi a sua volta zona rossa. Vi chiediamo di avere fiducia in noi, siamo presenti e in contatto costante con l’Azienda Sanitarie per monitorare l’evoluzione del contagio nei nostri comuni. Al momento la situazione è sotto controllo, ma abbiamo bisogno di voi”.

Carlo Toni, sindaco di Poppi
Lorenzo Remo Ricci, sindaco di Castel Focognano e presidente dell’Unione
Antonio Fani, sindaco di Castel San Niccolò
Giampaolo Tellini, sindaco di Chiusi della Verna e vice presidente dell’Unione
Eleonora Ducci, sindaca di Talla
Valentina Calbi, sindaca di Chitignano
Emanuele Ceccherini, sindaco di Ortignano Raggiolo
Roberto Pertichini, sindaco di Montemignaio

Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa