Unione dei Comuni, precisazioni dopo gli ultimi interventi di Agostini

“Tutela dei lavoratori e rispetto dei ruoli” le priorità di Tellini e dei rappresentanti del personale dell’Ente

L’Unione dei Comuni Montani del Casentino, dopo le nuove accuse e mistificazioni da parte del Sindaco di Castel San Niccolò, interviene sull’argomento con una nota congiunta del Presidente Giampaolo Tellini e dei rappresentanti del personale dell’Ente.

Ecco il testo.
“Ci sembra appena il caso di ricordare al Sindaco di Castel San Niccolò – il quale continua il suo sproloquio nei confronti dei Sindaci e di alcuni dipendenti dell’Unione dei Comuni Montani del Casentino – che non saranno certo le sue invettive, tutelate da un certificato medico che egli stesso sbandiera a testimonianza della sua inattaccabilità per motivi sanitari, a garantire il successo alle sue idee, che egli esprime con preferenza vomitando rabbia su alcuni lavoratori di questo Ente. Questi sono prima di tutto delle persone, e non è giusto che si continui impunemente questo gioco al massacro rispetto ad un Ente che da 40 anni lavora per i cittadini ed i Comuni del Casentino.
Finora è stata seguita, nei confronti del Sindaco di Castel S. Niccolò, una condotta ispirata alla pazienza ed alla sobrietà. Questo atteggiamento non deve essere scambiato per cedevolezza. Noi non ci rassegniamo e faremo tutto quanto è possibile e lecito al fine di evitare che si continui a sbeffeggiare il nostro lavoro di ogni giorno, continuando a “confondere” ad arte appunti e documenti ufficiali, diffondendo insinuazioni di ogni tipo e millantando una “verginità” che, francamente, non esiste.
Chiunque voglia sapere con esattezza quali sono gli stipendi percepiti dai lavoratori dell’Ente, può saperlo semplicemente attraverso il sito internet uc.casentino.toscana.it, dove appunto emolumenti e compensi sono resi pubblici, come vuole la Legge. Ogni cittadino può rendersi conto di quale sia la veridicità delle affermazioni di Agostini in questo senso.
Continui pure, se questo è il suo unico divertimento, ad utilizzare i social network per infamare il nostro lavoro; conosce, o dovrebbe conoscere, quali sono le sue responsabilità. Noi non lo seguiremo su questa strada, e lo aspettiamo con serenità solo ed esclusivamente nelle sedi opportune”.

Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa