Voci dal Casentino: “Il Teatro del fiume”

Il Teatro del fiume

Quando fare Teatro risiede dentro l’anima…

Si può fare dovunque Teatro, quando questo è insito nell’animo dei teatranti, si può fare dovunque, e si può fare dovunque se il cuore di chi lo pratica è colmo di lui, e io ho intervistato Eleonora Angioletti della NATA per capire quanto fare Teatro sia trasportabile, anche nelle rive dei fiumi, fosse pure solo idealmente.

Il Teatro del fiume è una rassegna di spettacoli che si svolgono sulle rive dei nostri fiumi. Vuoi parlarmene?

-La rassegna “Teatro del fiume” è arrivata quest’anno alla diciannovesima edizione, e come ogni anno riesce ad offrire un cartellone ricco di spettacoli rivolti soprattutto ai bambini e ragazzi, ma non solo. La volontà è quella di offrire dei prodotti culturali di alta qualità durante il periodo estivo, portando il Teatro nelle piazze e nei centri storici più piccoli del nostro Casentino, e anche sulle rive dei fiumi ovviamente. –

La location è assolutamente originale direi. Da dove nasce l’idea?

-L’Arno che scorre giù per la vallata del Casentino con i suoi piccoli e grandi affluenti, è un po’ la nostra “arteria azzurra” direi, senza dover per forza scomodare Eraclito, grande Filosofo del pensiero. Vero è che l’acqua che sempre scorre diventa sinonimo di vitalità, di continuo cambiamento, ed è così che questo dovrebbe essere il Teatro: un flusso di idee, di emozioni e meraviglia in continuo movimento, un gorgheggio perpetuo e rinnovato, e poi diciamolo, ci siamo affezionati al nostro bel fiume, e come celebrarlo in maniera migliore che dedicargli una rassegna di Teatro? –

Si tratta di un qualcosa di indirizzato ai bambini oppure è rivolto a tutti?

-Il cartellone di quest’anno è soprattutto rivolto ai bambini e ai ragazzi, ma ci piace pensare come fanno i francesi, che gli spettacoli che presentiamo, quelli che proponiamo siano tout public, godibili a tutto tondo da differenti fasce di età, da un pubblico ampio insomma, un pubblico fatto di tante, differenti persone. –

Certo che voi della NATA siete ormai una garanzia da proiettare ovunque, anche lungo i fiumi. Con quante date andrete “in onda” col Teatro del fiume per l’appunto?

-Tantissime, quest’anno sono addirittura diciotto e non vediamo l’ora di cominciare.-

Quali saranno i paesi che vi guarderanno recitare?

-Seguendo idealmente il percorso del nostro fiume Arno, saremo a Stia, a Pratovecchio, a Moggiona, a Bibbiena, a Rassina, a Talla, a Salutio, a Chitignano, a Pieve a Socana, a Subbiano e a Capolona, ma inizieremo proprio da Subbiano con “Cappuccetto rosso e i due lupi”, precisamente sabato nove luglio, e proprio nella piazza sotto le mura antiche, che già da sé è una meraviglia. Dopodiché andremo avanti con tantissimi titoli che saranno interpretati anche da altre compagnie provenienti da tutta Italia. –

Raccontati a ruota libera

-Cerchiamo da anni di offrire, non solo spettacoli di compagnie del territorio, ma invitiamo artisti provenienti letteralmente da tutta Italia come dicevo pocanzi, perché pensiamo che il confronto e lo scambio con gli altri, arricchiscano noi come artisti ma anche il pubblico del Casentino.

È comunque una gioia per noi vedere ormai da tantissimo tempo, e nonostante la fatica fatta durante i periodi più bui della pandemia, le piazze piene, e quindi le bambine e i bambini sorridere e la meraviglia del Teatro farsi strada nei cuori ancora e ancora. Si tratta di una sorta di magia ciò che porta il Teatro, ciò che racconta quella specifica modalità di recitazione, perché il “Teatro del fiume” proviene dagli occhi e sfocia direttamente nel cuore. –

Che dire dunque, la rassegna estiva di NATA Teatro ci da diversi appuntamenti curati da loro, si tratta di un programma ricchissimo ed entusiasmante, rivolto a grandi e piccini e si sa, quando si tratta di NATA Teatro è sempre una garanzia!

Grazie Eleonora…

Marina Martinelli
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce a San Piero in Frassino nel dicembre del 1964. Oggi vive e lavora a Poppi, dove condivide un salone di parrucchieria col marito. Ha due figli che sono la sua vita e la scrittura è la sua più grande passione, infatti ha pubblicato due libri di novelle e tre romanzi. A primavera uscirà il suo sesto romanzo che sarà macchiato di giallo. Da anni collabora con la rivista casentinese CasentinoPiù.

Ultimi Articoli

Corsalone, casentinese arrestato per spaccio

I Carabinieri della Compagnia di Bibbiena nella loro attività di controllo sulle arterie principali della valle, in località Corsalone, hanno fermato un'auto sospetta con...

Incontri ravvicinati: intervista a Paolo Vanacore

Ho conosciuto Paolo Vanacore a Roma durante la presentazione di Achab, rivista letteraria uscita con il numero 100 dedicato a Pier Paolo Pasolini, su...

Un nuovo Info Point nel centro storico di Poppi

Dalla giornata di lunedì 8 agosto, nel Centro Storico di Poppi, è attivo un info point dedicato alle informazioni turistiche e alla promozione del...