Voci dal Casentino: “Impariamo a sorridere”… un vero e proprio successo!

La serata dell’ultimo dell’anno, dedicata ad “Impariamo a sorridere”, un contributo per la Fondazione Alice, è stata un vero e proprio successo, sicuramente per la tanta presenza di persone che si sono connesse via facebook per stare insieme a Marco Corazzesi, in arte ComaKema e a Lenny Graziani, ma soprattutto per la semplice voglia di donare, tenendo viva la prospettiva per la quale, i due “mattatori” casentinesi, si sono prodigati al fine di realizzare questa serata a scopo benefico.
Le associazioni che hanno partecipato sono state tante e hanno abbracciato tutti i paesi di questa nostra meravigliosa vallata, che soprattutto quando si tratta di essere altruista, c’è sempre.
Tutto è stato veramente gradevole, alla serata si sono affacciati artisti di vario genere e associazioni pronte a dare un contributo a questo fine straordinario insito nel piacere di donare. Purtroppo alcuni sono rimasti momentaneamente fuori da questo progetto perché il tempo a disposizione non era illimitato, ma ciò che conta è che il percorso va avanti, è appena iniziato e ci sarà occasione per tutti di contribuire, di fare squadra, di esserci.
A questo proposito Simone Ciulli, presidente della Fondazione Alice, ci tiene a porgere i suoi ringraziamenti e a rivolgerli a tutti coloro che hanno aderito a questo progetto e a tutti quelli che vorranno farlo. Userò, a tal proposito, parole assolutamente sue.
-Ci tengo a dire, – racconta Simone – che riguardo alla serata dell’ultimo dell’anno e alla conseguente raccolta fondi, al di là del bellissimo spettacolo e all’impegno che Marco e Lenny hanno profuso, il pensiero che mi è venuto in mente durante la serata, è un pensiero molto semplice. Da tredici anni sono in Casentino e mi occupo, a titolo gratuito, di disabilità; fino ad adesso ho ospitato famiglie con ragazzi disabili e il mio lavoro era semplicemente quello di prendermi cura di loro per permettere alle famiglie, cose molto semplici, come ad esempio dormire un pochino, o andare a fare una passeggiata, o magari a mangiare una pizza, mentre io mi occupavo dei loro figli.
Dopo questa esperienza che continuerà nel tempo, abbiamo cominciato a lavorare a dei progetti precisi, rivolti a due disabili, uno grave e uno gravissimo, che sono venuti a vivere qui, in Fondazione.
Devo dire che tredici anni sono stati lunghi e faticosi, ma li ripercorrerei daccapo, nonostante tutto. Mi sono sentito spesso da solo, privo di forse e a corto di energie e di entusiasmo. Pensavo di non avere niente intorno se non lo sguardo rivolto al cielo di tante persone, quello stesso sguardo che da parte mia c’è sempre. Ma quello di cui non ero certo era di non essere solo. Ebbene, il 31 notte mi sono accorto che intorno a me esiste un mondo straordinario, un mondo che ha contribuito a costruire qualcosa.
Quasi tutte le persone che hanno parlato chiedendo contributi per la Fondazione Alice, sono volti che io non ho mai visto e che si sono adoperati per me, per noi, e questo mi fa sentire forte, mi fa sentire come abbracciato in questo difficile cammino. Vorrei restituire ad ognuno di loro l’abbraccio che mi ha rivolto, guardarlo dritto negli occhi e dirgli … grazie di cuore.
Un grazie particolare va a Marco Corazzesi e a Lenny Graziani, per l’idea avuta e l’impegno dimostrato a portarla avanti nel migliore dei modi. Simone –
La pagina facebook è: https://www.facebook.com/impariamoasorriderealice/
Questo è il Link per effettuare le vostre donazioni: https://gofund.me/1a1bd49b

CONDIVIDI
Articolo precedenteBibbiena, prove generali per lo screening di massa agli studenti
Prossimo articolo03/01: Coronavirus, 11 nuovi casi in Casentino
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce a San Piero in Frassino nel dicembre del 1964. Oggi vive e lavora a Poppi, dove condivide un salone di parrucchieria col marito. Ha due figli che sono la sua vita e la scrittura è la sua più grande passione, infatti ha pubblicato due libri di novelle e tre romanzi. A primavera uscirà il suo sesto romanzo che sarà macchiato di giallo. Da anni collabora con la rivista casentinese CasentinoPiù.