“Voci dal Casentino”: quando una divisa continua ad essere utile alla comunità

 

Da un certo periodo in poi, soprattutto dopo il lockdown, sentivo parlare spesso del lavoro svolto dai carabinieri in pensione. In un primo momento mi chiedevo di cosa si potesse trattare, di cosa questi carabinieri in pensione potessero svolgere, fino a che ho incontrato Benito Fioriti, che a mio avviso è stato uno degli uomini in divisa a cui la nostra vallata ha voluto più bene, e non ho esitato a fargli domande, e lui ha esaudito tutte le mie aspettative, con la chiarezza e la serietà che lo contraddistingue.

L’ausilio di noi carabinieri in pensione viene richiesto da enti tipo: comune o varie associazioni che organizzano eventi. Lavoriamo a stretto contatto con carabinieri e polizia locale, sostanzialmente siamo volontari che hanno firmato uno statuto e devono rispondere in tutto e per tutto, alle necessità che ci vengano richieste, rispondendo con quel senso di responsabilità che la nostra disciplina ci ha sempre imposto.

Non abbiamo bisogno di corsi aggiuntivi in merito alla sicurezza, perché avendo fatto il carabiniere per professione, sappiamo bene come muoverci e quali tecniche adoperare per far rispettare l’ordine pubblico. Siamo allenati a saper riconoscere una situazione di pericolo, e ad intervenire in caso di questa.

Risulta molto difficile togliersi la divisa di dosso, perché carabinieri si è per tutta la vita, – mi racconta Benito, – e rimangono intatti quei principi che ci hanno sempre accompagnati, fin dal momento dell’arruolamento. Ci gratifica molto avvertire il ringraziamento dei nostri concittadini, e considerato che eravamo ben integrati nella collettività, è un piacere continuare ad esserlo e dedicare un po’ del nostro tempo libero, adesso che siamo in pensione e ne abbiamo di più.

Sicuramente lo stress e il senso di responsabilità si riattivano, ma non dover più rendere conto ad orari e sveglie mattutine rimesse, non è poca cosa, oltretutto non ci vuole coraggio perché non siamo mai soli ed è tutto più lento, in più aleggia una serenità maggiore in ciò che svolgiamo adesso, e con lei anche la voglia di essere ancora utili.

Nella sezione di Poppi, quella di cui faccio parte, siamo un numero ridotto rispetto alle sedi di Bibbiena, e di Pratovecchio – Stia. Loro sono un gruppo maggiore, più corposo e strutturato, hanno uniformi specifiche delle quali anche noi abbiamo fatto richiesta. Abbiamo cominciato in ritardo rispetto a loro, ma ci auguriamo di diventare molti di più per prestare servizio alla nostra vallata.

Sostanzialmente siamo gruppi che svolgono servizi socialmente utili, sotto forma di volontariato, ma a livello nazionale. Ci sono nuclei accorpati alla Protezione civile composti da carabinieri in pensione, che avendo scelto e firmato per svolgere questo servizio, se chiamati hanno l’obbligo di recarsi dove il paese ha più bisogno. Lo abbiamo visto quando il nostro paese è stato “sfregiato” da terremoti, alluvioni e calamità naturali in genere.

Coloro che si associano devono essere indispensabilmente brave persone, che vivano in modo corretto e che si riconoscano nei principi dello statuto e delle istituzioni. In fondo quando una persona investe un po’ Del suo tempo libero nei confronti degli altri, commette una cosa lodevole, piacevole e di conseguenza gratificante.

Ci sono anche gli Steward che fanno parte di queste organizzazioni di “salvaguardia”, loro solitamente fanno parte di agenzie specifiche e quasi sempre sono a pagamento, mentre coloro che fanno parte dello Staff, e li riconosci perché indossano gilet fosforescenti, sono inseriti nelle varie Proloco e si prendano cura di sagre o serate a tema. Li incontriamo quasi sempre all’entrata delle manifestazioni e ultimamente, li abbiamo visti prendere la temperatura ai signori avventori di queste manifestazioni sopracitate. –

Il racconto di Fioriti è stato chiaro e lampante, continuare a prestare attenzione e protezione anche dopo il pensionamento, gli restituisce quel piacere che solo un lavoro come quello che ha svolto insieme a tutti i suoi colleghi che ci sorvegliano quotidianamente, può dare.

Noi però nel frattempo ne godiamo, e ne godiamo come uomini e donne, come cittadini e lavoratori, come individui che si recano ad una festa, ad una fiera, o un semplice mercato, ma soprattutto mi viene da riflettere sul fatto che non tutti siamo disposti a donare del tempo libero alla comunità. Ebbene, questi uomini e donne continuano a farlo e io mi sento di dir loro grazie, a nome di tutti.

Un grazie particolare a Benito Fioriti che per più e più volte mi ha chiesto di non menzionarne il nome, ma questa è cosa solamente mia!

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa storia del campione di Triathlon Giovenali e della sua idea imprenditoriale
Prossimo articoloPratovecchio Stia, 76° anniversario di Monte Pomponi
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce a San Piero in Frassino nel dicembre 1964. Oggi vive e lavora a Poppi con la sua famiglia, condivide un salone di parrucchieria col marito Claudio Barolo e ha due figli che ritiene i suoi “gioielli”, Lenny di 31 anni e Claudia di 13. La sua più grande passione è la scrittura, infatti Marina ha pubblicato 3 libri, due, di brevi storie che raccontano le problematiche di tutti i giorni, raccontate in maniera tale che possano dare un messaggio anche ai ragazzi più piccoli. I libri di novelle si intitolano: “Le brevi novelle della Marina” e “L’uomo alla finestra”. A settembre di quest’anno ha pubblicato il suo primo romanzo dal titolo “Occhi cattivi”, una storia che lancia un messaggio forte e purtroppo attuale, infatti il libro parla di abusi ai minori. Marina collabora da anni con Casentino Più, un magazine locale casentinese che l’ha aiutata ad allenare la sua scrittura, dal quale trae grande soddisfazione.