Weekend fra escursioni, archeologia e notte delle fate

Iniziative per tutti i gusti a cura dell’Ecomuseo del Casentino, nel week end che vede il ritorno anche delle Notti dell’Archeologia. Ecco il programma.
Le Notti dell’Archeologia giungono alla sedicesima edizione. L’appuntamento di quest’anno va dal 1° al 31 luglio, con oltre 200 eventi organizzati in tutta la Toscana nei 106 musei, aree e parchi archeologici che aderiscono all’iniziativa, anche con aperture straordinarie. Lo scopo è quello di avvicinare un pubblico di tutte le età affinché le radici della storia, della cultura, dell’economia toscana possano essere comprese al meglio. Il filo conduttore del 2016 è la “Continuità e discontinuità tra Antichità e Medioevo”, tema che verrà declinato nelle singole iniziative che si propongono anche di essere un momento di festa nella quale il pubblico degli appassionati e dei curiosi ha la possibilità di sfogliare a ritroso il proprio passato e leggere la storia attraverso le tracce lasciate da ogni singola persona che ha abitato, vissuto, lavorato in quella che oggi chiamiamo Toscana. Per ulteriori informazioni è attivo anche il Numero Verde 800.860.070 curato dall’Urp della Regione Toscana.
Prossimo appuntamento in Casentino:16 luglio, ore 21,00 al Castello dei Conti Guidi di Poppi
Conferenza: Fra le Terre dei “Vinti”. La Contea dei Guidi e la formazione del paesaggio fra X e XIV secolo. A cura di Guido Vannini, Chiara Molducci, Riccardo Bargiacchi, Università degli Studi di Firenze. La serata di Poppi delle Notti dell’Archeologia si concentra specialmente sui conti Guidi e sulla vasta area interregionale dei loro interessi sopra delineata, focalizzandosi, ovviamente in questa sede, sul Casentino, contesto territoriale che registra la presenza guidinga dagli albori della stirpe (sec. X) fino al suo tramonto nel secolo XV. La vallata casentinese si presenta quindi come centrale nella vicenda storica dei conti Guidi, così come si mostra centrale anche nel panorama dei loro possedimenti, fungendo da cerniera tra l’area romagnola e quella valdarnese, ma anche tra queste e il Mugello e i castelli guidinghi della Val dei Sieve e del Fiorentino.
A Badia Prataglia invece c’è la “Notte delle Fate”: sabato 16 luglio laboratorio per bambini per la preparazione di dolci per le fate. Ritrovo presso il centro Visite del Parco. Partecipazione gratuita. Alle 19,30 con partenza dalla Chiesa, escursione con guida ambientale alla scoperta delle fate. Percorso turistico: Badia Prataglia, Campo all’Agio, Buca delle Fate e ritorno. Lunghezza 4,5 km circa. Lungo il percorso, concerto alle fate, Suggestioni sonore con l’arpista Elena Castini. Alle 21 cena presso ristorante Il Giardino. Prenotazione necessaria, info Coop Oros 335-7987844

Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa