Una piccola battuta alla Abatantuono per una manifestazione che in una sola parola potremmo definire, appunto, eccezionale. Si è conclusa domenica scorsa, infatti, la quarta edizione di “Naturalmente Pianoforte” ed ha registrato  un successo di pubblico (e di “critica”) che è andato oltre ogni più rosea aspettativa. Una kermesse che per 5 giorni ha reso il Casentino la patria del pianoforte con 30 concerti, 70 pianisti, 250 ore di musica e oltre 10.000 spettatori. Per questo, in queste poche righe, ci permettiamo di complimentarci con chi questa manifestazione l’ha prima ideata, l’ha poi realizzata e in seguito, anno dopo anno (anzi, biennio dopo biennio) l’ha fatta crescere, migliorare e raggiungere i livelli che nei giorni scorsi tutti abbiamo potuto ammirare: una cinque giorni di musica che ha saputo coinvolgere migliaia di casentinesi e di turisti che sono rimasti estasiati dalla bellezza dei concerti e delle location casentinesi che li ospitavano. Un plauso speciale, quindi, all’Associazione Pratoveteri, al direttore artistico Enzo Gentile e a tutti coloro che si sono adoperati per organizzare un evento di questa portata e del livello “eccezzziunale” raggiunto.

Le foto che vi proponiamo sono di Lorenzo Carnevali e riguardano il concerto di Mattew Lee. A nostro avviso, uno dei momenti più coinvolgenti di tutta la rassegna.

CONDIVIDI
Articolo precedenteArriva il mammografo in Casentino… e si ritorna a parlare di distretti sanitari
Prossimo articoloIL CINQUE MAGGIO
Christian Bigiarini - Direttore Responsabile
Christian Bigiarini è nato a Roma nel 1971, ma vive e scrive a Ponte a Poppi (AR) in Casentino. Nel 2005 ha pubblicato la sua prima raccolta di racconti dal titolo “Adesso sono morto”. Nel 2006, a Castelnuovo di Garfagnana ha vinto il premio di narrativa Loris Biagioni con il racconto “La mozione del beep” e nel 2008 ha pubblicato il suo primo romanzo dal titolo “Rosso cuore, nero amore” recensito dal sito recensionelibro.it come uno dei migliori dieci esordi dell’anno. È giornalista pubblicista, dal 2009 collabora stabilmente con il magazine CasentinoPiù e dal 2013 ne è Direttore responsabile. Nel 2011, a Monselice (PD) ha vinto il premio nazionale “Il Poeta e il narratore” con il racconto “Bar Mario”. L’anno successivo, 2012, si è classificato secondo allo stesso concorso con il racconto “5 secondi”. Nel 2012 è uscito il suo secondo romanzo: “O di odio” Onirica Edizioni. “Storie e osterie” (Nicolò Caleri Editore-2013) è la sua terza pubblicazione.