5 casentinesi alla competizione IronMan di Cervia

Da sx: Deyanira Rodriguez, Andrea Albertoni, Luca Ghelli, Samuele Roselli. Al centro: Michele Chiarini

Di Christian Gambineri

“Adesso avete intenzione di riposarvi per un po’?” “Assolutamente no” – con questa battuta termina l’incontro con Samuele, uno dei cinque triatleti casentinesi che nel settembre scorso hanno partecipato alla manifestazione sportiva “IronMan” di Cervia. In verità gli “iron man” sono quattro – Samuele Roselli, Luca Ghelli, Andrea Albertoni e Michele Chiarini – perché della compagine fa parte anche una ragazza, la iron lady Deyanira Rodriguez. Gli atleti hanno concluso la gara in circa 11 ore, percorrendo ben 3.800 m a nuoto in mare, 180 km in bicicletta e 42,195 km di corsa. Quest’ultima disciplina consisteva nel compiere 4 giri di un circuito di circa 10 km e qui la ragazza del gruppo, forse perché non sufficientemente stanca, di giri ne ha compiuti ben 5, mettendoci un’ora in più. «Per le prossime gare abbiamo previsto uno schermo in stile Forrest Gump con scritto “Deyanira STOP!”» – ci scherza su Samuele.

Amici da una vita, la passione per lo sport li ha legati ancora di più, tanto da cercare e trovare nuovi stimoli per superare se stessi fino a raggiungere livelli da semiprofessionismo. Tutto inizia con classiche corsette domenicali per i boschi del Casentino, per poi partecipare ai primi trail nostrani. Dopo un bel po’ di chilometri sulle gambe e diverse scarpette consumate, la cosa inizia a farsi interessante e appassionante, tanto che i ragazzi prendono la corsa più sul serio. Da qui l’esordio nel 2010 con la “Regina”, la Maratona di Roma, per poi proseguire con altre classiche italiane e non: Firenze, Amsterdam, Francoforte, Vienna, Valencia, Zurigo, fino ad Atene sulle orme di Filippide, con l’obbiettivo di unire il running al turismo. Ad oggi sono ben 18 le maratone che hanno all’attivo.

“Dopo tutte queste gare avevamo bisogno di altri stimoli ed emozioni, perciò nel 2015 abbiamo deciso di avvicinarci al Triathlon – spiega Samuele – inizialmente con distanze brevi, poi con qualche 70.3 (mezzo IronMan) a Pescara, Pula (Croazia) e Lido di Comacchio. Nel 2017 io e Luca siamo stati spettatori del 1º IronMan in Italia e abbiamo accettato la sfida trascinando con noi anche gli altri!”. A breve ci sarà un’altra prima volta, la Maratona di Pisa. Per il 2019 invece il programma sportivo dei nostri atleti casentinesi prevede un altro Triathlon, in preparazione del sogno di ogni maratoneta: la New York City Marathon.

“Come in tutti gruppi sportivi c’è sempre una sana competizione e un po’ di sfottò, ma il segreto per continuare nel tempo è divertirsi” – è questo lo spirito del quintetto di Poppi.