A Chiusi della Verna nasce il primo “Ambulatorio della Salute”

Gianpaolo Tellini, Sindaco di Chiusi della Verna

Nuovi servizi per la comunità montana, troppo spesso penalizzata dalla distanza con l’ospedale di Bibbiena.

Il nuovo progetto prevede la suddivisione dell’auditorium esistente nel centro del capoluogo che ospiterà un’ampia sala di attesa, l’ambulatorio medico dotato di un nuovissimo elettrocardiografo e la farmacia comunale dove sarà rinforzato il servizio relativo alla prenotazione delle visite. I cittadini inoltre potranno contare sull’infermiere di comunità. “Il mio obiettivo è quello di garantire un servizio sanitario il più possibile completo alla comunità, che grazie all’acquisto del nuovissimo elettrocardiografo potranno fare l’elettrocardiogramma a due passi da casa, direttamente nell’ambulatorio medico, senza dover raggiungere l’ospedale di Bibbiena” ha spiegato il sindaco Giampaolo Tellini. Ma grazie anche al progetto “Aree Interne” di cui è capofila l’Unione dei Comuni Montani del Casentino, sarà attivato anche il servizio dell’infermiere di comunità, che trasforma gli ambienti di vita della persona come ad esempio la casa, in setting privilegiati dell’assistenza. Il professionista baserà il suo operato sui principi della medicina di iniziativa, attingendo all’esperienza assistenziale, alla conoscenza del territorio, delle persone e delle istituzioni e fungendo da ponte e da facilitatore tra il paziente, la sua famiglia e i diversi interlocutori istituzionali. “L’infermiere di comunità farà da tramite tra i pazienti e l’ospedale, in sinergia con il medico di famiglia, prendendo in carico il cittadino per tutte quelle patologie ed esiti che non hanno bisogno di degenza ospedaliera o di ricorso ai punti di primo intervento – ha spiegato Tellini – una bella conquista per la nostra comunità, un nuovo tassello che fa parte del mio più generale obiettivo che è quello di garantire servizi importanti come quelli sanitari anche in piccole realtà come la nostra, in modo da contrastare lo spopolamento e incoraggiare i giovani a rimanere”. Il nuovo servizio andrà così ad arricchire un comune già presidiato da 5 ambulatori attivi e 3 farmacie, di cui 2 comunali e 1 privata.

Poppi, 7 Marzo 2019

Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa