A proposito di Banca Etruria

(di Francesco Ceccarelli)
Nel  circo mediatico di Banca Etruria  si sono perse due notizie che sembrano marginali nella vicenda, ma che non lo sono affatto. In data 21 gennaio, infatti, i deputati di Alternativa Libera Marco Baldassare e Samuele Segoni si sono  incontrati con il Presidente del Tribunale di Arezzo, dott.ssa Galantino,  per cercare di ovviare alla carenza di personale del tribunale (diventata emergenza dopo la nota vicenda di Banca Etruria) prendendosi l’impegno di chiedere al Ministro Orlando nuove assunzioni presso il Tribunale stesso. Bene, tale istanza è stata  bocciata sia dalla maggioranza del PD che dal Movimento 5 Stelle. 
Al di là delle valutazioni di opportunità politica e dei precari coinvolti pensate come questo inciderà sulle centinaia di ricorsi presentati alla Procura di Arezzo da parte di tutti coloro che si sentono truffati dalla banca aretina. 
La seconda informazione, invece, riguarda l’azione di rivalsa fatta da Federconsumatori che per quanto riguarda gli azionisti dell’ex Banca Etruria prende in considerazione solo quelli con almeno 5.000 euro di azioni. Quindi, chiunque abbia importi inferiori si deve rivolgere altrove, consapevole, per altro, di spendere comunque di più dell’improbabile risultato…