Alla scuola dell’infanzia di Poppi arriva una nuova sezione

Il Dirigente Scolastico Alessandra Mucci, della scuola comunale per l’infanzia di Poppi, ha reso noto nei giorni scorsi con una lettera inviata fra gli altri anche ai genitori dei piccoli alunni ed al sindaco di Poppi Carlo Toni che il suo istituto si arricchirà presto di una nuova sezione, la quarta.  Per l’assessore Lisa Bucchi l’arrivo della quarta sezione: “E’ un traguardo importante e fortemente voluto sia dall’amministrazione che dall’istituto scolastico. Credo sia giusto sottolineare la sinergia creata tra tutti i soggetti coinvolti, compresi i genitori che hanno sostenuto l’attività dei soggetti istituzionali attraverso una raccolta firme per attivare questa ulteriore sezione”. Aumentare il numero delle classi e quindi degli iscritti  significa anche intervenire sull’immobile scolastico. Nel 2017 il comune di Poppi ha potuto accedere, grazie alla legge sulla “buona scuola”, ad un prestito di circa 170.000 euro da investire nella scuola dell’infanzia della Torricella. L‘edificio ha circa 30 anni, attualmente ospita una novantina di bambini e sarà fatto oggetto di un adeguamento relativo in particolare alla distribuzione degli spazi interni oltre alla creazione di quattro aule adeguate agli standard dimensionali previsti dalla legge. I lavori saranno realizzati nel corso delle vacanze estive.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa vittoria dei comuni su Poste Italiane
Prossimo articoloStudenti di Ponte a Poppi sul bus in panne
Maria Maddalena Bernacchi
Maria Maddalena Bernacchi, nata a Compito, Chiusi della Verna, vive e lavora tra Compito ed Arezzo. Negli ultimi anni dell’istituto magistrale “Vittoria Colonna” di Arezzo ha collaborato al settimanale “La Voce” ed al quotidiano “La Nazione”. Specializzata in fisiopatologia ha insegnato ad Arezzo per quarant’anni. Quale insegnante tutor di storia per il Provveditorato agli Studi di Arezzo ha tenuto corsi di formazione sulla didattica della storia contemporanea pubblicando “Il campo-profughi di Laterina” e “Dal locale al globale, esperienze per l’insegnamento della storia”. Per la nipote ha scritto e pubblicato “Ninne-nanne, filastrocche, proverbi e… Una nonna si racconta”. Collabora con Casentinopiù dal 2010, tenendo, con la figlia Silvia la rubrica “Storia e Territorio”.