Angelo Rossi, “cittadino esemplare” negli States, ricevuto dal sindaco Ricci

Il sindaco Ricci ha ricevuto Angelo Rossi, originario di Castel Focognano e riconosciuto dalla Casa Bianca come “cittadino esemplare”.

Il sindaco del comune di Castel Focognano Lorenzo Ricci, ha voluto ricevere il concittadino Angelo Rossi dopo che essere venuto a conoscenza della sua storia di immigrato nella Silicon Valley in California negli anni che vanno dal 1966 al 1990. Si è voluto complimentare con lui e con le sue figlie per aver ricevuto negli anni 70, insieme alla cittadinanza americana, una lettera di riconoscimento dalla Casa Bianca di Washington come esempio di “stimato cittadino italo-americano”. Diventare cittadino americano, allora come ora, significa acquisire nuovi diritti e privilegi, ma anche nuove responsabilità. Vuol dire poter lavorare per lo stato, mantenere la residenza, poter votare, essere membro di una giuria, dimostrare patriottismo per il paese d’adozione. Nel 1966, Angelo Rossi si trasferì in America da solo, lasciando la famiglia, dopo che a causa di un’operazione che non gli consentiva il contatto con le vernici aveva dovuto abbandonare il lavoro che aveva a Torino nel gruppo di Pininfarina. Giunto in California, ha iniziato a lavorare come tecnico nei laboratori e nel settore manutenzione, frequentando le scuole serali per imparare la lingua e dopo circa un anno ha potuto ricongiungersi alla moglie e alle quattro figlie lasciate in Italia. Apprezzato per la sua professionalità, dedizione al lavoro e correttezza ha poi lavorato presso l’International Airport di San Jose come accompagnatore delle celebrità in campo politico, cinematografico e sportivo conoscendo personalmente sportivi come Joe di Maggio, Cassius Clay e attori come Liz Taylor Richard Burton e altri ancora. Per i servizi resi alla città e agli Stati Uniti d’America, ha dimostrato di essere un cittadino esemplare ed è giusto che Rassina, suo paese di origine, lo renda noto perché la storia di Angelo Rossi rappresenta un orgoglio per la nostra comunità e per l’intera nostra nazione.

Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa