Ascensore da interni: di cosa si tratta?

In una casa o in una villa strutturata su più piani si deve affrontare quotidianamente la salita, e quindi la discesa, delle scale interne che collegano i livelli. Impresa non impegnativa per i più giovani della famiglia, ma meno facile per i più anziani e probabilmente impossibile per i portatori di handicap.

Un ascensore da interni è la soluzione. Una versione in dimensioni ridotte degli ascensori utilizzati negli edifici a più piani: una cabina dotata di porta (o più porte, adiacenti o opposte, se i pianerottoli sono orientati su lati diversi), binari verticali su cui scorre e meccanismo di movimento. Ne esistono di diversi tipi, con sistemi di funzionamento diversi, requisiti tecnici, ingombro e costi di installazione diversi.

L‘ascensore da interni è sicuro, utile o addirittura indispensabile

Gli ascensori da interni possono essere utili per tutta la famiglia, anche in funzione di elevatori per spostare da un piano all’altro oggetti voluminosi o pesanti.

La sicurezza è sempre uno dei requisiti primari e le ditte specializzate offrono alti margini di affidabilità e dispositivi a norma con le direttive europee: come il sistema che permette di comunicare con l’esterno, la protezione a paracadute in caso di guasto e il controllo del peso del carico, i sistemi di blocco per evitare un uso improprio.

Per aumentare il comfort sono disponibili accessori: sedili, corrimano, illuminazione, ventilatori e condizionatori interni. In caso di disabilità: bottoniere di comando ad altezza adeguata, fotocellule agli ingressi e telecomandi che consentano l’azionamento dell’ascensore per il richiamo al piano, anche in caso di interruzione di corrente.

Tipi di ascensori da interni

Ascensori senza alberi – freestanding

Idraulici o pneumatici, ma compatti e silenziosissimi se azionati da un motore elettrico. Possono sfruttare il vano scala, con una struttura in metallo e vetro particolarmente accattivante dal punto di vista estetico; i pianerottoli della scala diventeranno i piani di accesso e uscita dell’ascensore.

Un ascensore da interni di questo tipo e con motore elettrico è perfetto per unire case a due soli piani. In caso di utilizzo con sedia a rotelle, può essere di dimensioni maggiori senza per questo divenire troppo ingombrante.

Ascensori a trazione

Funzionano grazie a cinghie o cavi che ruotano su una guida; l’argano è azionato da un motore e coadiuvato nel movimento da un contrappeso, per il risparmio di energia elettrica. I meccanismi di funzionamento, nella parte alta del vano di scorrimento, potrebbero rendere difficile la manutenzione o riparazione di guasti, possono però essere installati anche all’esterno dell’abitazione. Si richiede lo scavo di uno spazio alla base e la costruzione di un vano e non sempre si adattano alla casa se i soffitti sono bassi; sono piuttosto rumorosi.

Ascensori idraulici o oleodinamici

Utilizzano una pompa idraulica che, collegata ad un cilindro (o pistone), agisce su un fluido. La pressione sposta la cabina dell’ascensore verso l’alto o il basso. L’installazione di un ascensore idraulico richiede uno spazio a sé stante per i macchinari.

Ascensori pneumatici

Sono azionati dalla compressione dell’aria per “risucchiare” la cabina verso l’alto o il basso. Non richiedono un vano per i macchinari e utilizzano poca energia; richiedono però dello spazio ulteriore nella parte alta e possono essere rumorosi.

L’ascensore da interni è comunque il modo migliore per eliminare la barriera architettonica della scala. La sua installazione, soprattutto se si tratta di un oggetto di design e dai buoni materiali, rappresenta un investimento.

Ultimi Articoli

Il Metaverso: Bibbiena presenta il futuro

Il 27 agosto prossimo Bibbiena sarà la location di un evento nazionale che ci catapulterà tutti nel futuro prossimo attraverso il metaverso. Il metaverse è...

Jacopo Piantini riconfermato Vice Presidente nazionale di Enelcaccia

“Con grande orgoglio apprendo la notizia che il nostro Assistente scelto della Polizia Municipale di Bibbiena Jacopo Piantini, è stato riconfermato nel ruolo di...

Alta velocità, il Comitato Sava incontra il Gruppo LFI

Domenico Alberti “senza misure straordinarie di rilancio dell'economia e delle infrastrutture sono a rischio molte famiglie e imprese”   Arezzo - Le prime cinquemiladuecentoventidue firme pro Medio...