Bibbiena, lavori nei centri storici: 3 milioni e 200mila euro in 4 anni

Ammonta a 3.200.000 euro l’investimento fatto dall’amministrazione di Bibbiena dal 2019 a oggi sui centri storici del territorio.

Un dato importante dal quale il primo cittadino Filippo Vagnoli parte per una riflessione sul suo mandato in merito al benessere dei suoi cittadini: “Quando si parla di felicità e soddisfazione dei cittadini parliamo anche di luoghi ritrovati, strappati alle incurie del tempo, piccoli borghi che consentono la permanenza di giovani e famiglie. Il nostro impegno è andato anche a rafforzare questi spazi di storia e tradizione. Parlo di Partina, Serravalle e Marciano per esempio dove l’impegno è stato massimo così come la soddisfazione di una ritrovata bellezza. Ma parlo anche del centro storico del capoluogo sul quale il nostro sforzo è e continuerà ad essere massimo”.

Il Sindaco parla anche di una “Maggiore importanza che abbiamo voluto dare alla storia e alla cultura dei nostri centri storici per il benessere dei cittadini e per incentivare il turismo” e fa un elenco degli interventi più significativi: “Abbiamo restituito alla cittadinanza lo storico Palazzo Niccolini, sede del comune di Bibbiena, una perla unica, una antica residenza oggi casa di tutti. Abbiamo inoltre restaurato il giardino del palazzo comunale, una bella vetrina per coloro che accedono al centro storico dalle scale mobili. E questo giardino sarà utilizzato dalla comunità per iniziative di varia natura, oltre che essere uno spazio creativo per il museo archeologico. Abbiamo fatto importanti interventi di riqualificazione di Piazza Tarlati e recuperato l’antico Chiostro di san Lorenzo del quale abbiamo già scoperto le potenzialità. Non ci siamo però fermati a Bibbiena come capoluogo ma abbiamo voluto intervenire anche nei piccoli centri storici dei nostri bellissimi borghi. Abbiamo recuperato la piazza simbolo di Serravalle, il centro storico di Marciano e adesso quello di Partina con il lastricato. Per Soci, oltre alla Piazza principale per cui abbiamo già pronto il progetto, recupereremo a breve gli antichi lavatoi”.

Vagnoli conclude: “I numeri devono aiutarci a supportare la vita e il benessere delle persone. Oltre i numeri che ci riportano lo sforzo economico, mi preme far capire la progettualità che ha sostenuto tutto questo. Una progettualità che parla di una volontà precisa e inderogabile che è quella di sostenere i nostri cittadini nei luoghi da loro amati, di mantenere viva la cultura dei luoghi e la loro magia di far risplendere la bellezza che deve ispirare la nostra voglia di futuro ma soprattutto quella dei nostri figli”.

Ultimi Articoli

Castel Focognano: Lorenzo Remo Ricci si ricandida nel segno della continuità

Ricci: «La mia candidatura è l’espressione della volontà di continuare un progetto di cambiamento già avviato con successo e in gran parte realizzato nel...

Prime anticipazioni per Naturalmente Pianoforte 2024: ecco alcuni degli artisti presenti

EUGENIO FINARDI, PAOLO JANNACCI E FRIDA BOLLANI MAGONI È un concerto speciale quello che aprirà il festival e che avrà come protagonisti Paolo Jannacci e...

La Bibbiena Nuoto continua a stupire in Toscana e non solo

La Società Sportiva Bibbiena Nuoto si è resa protagonista di una primavera trionfale, con un ricco medagliere regionale e due dei suoi tesserati ai...