Locali rinnovati e una sala d’attesa dedicata ai bimbi grazie all’associazione “Mauro Grifoni forever”.

Un ambulatorio pediatrico rinnovato all’Ospedale del Casentino, grazie ad alcuni lavori realizzati dalla ASL per riqualificare i locali e alle donazioni dell’associazione “Mauro Grifoni Forever” per arredare una sala d’attesa e rendere l’ambiente a misura di bambino. La presentazione è stata fatta stamani (7 maggio 2019) alla presenza di numerosi medici, sia del presidio ospedaliero sia del distretto, oltre ai rappresentanti dell’associazione e al Movimento salviamo l’ospedale.
«I piccoli ospedali, come quello di Bibbiena, sono grandi risorse per la sanità e questa mattina sono qui per ribadirlo, anche a nome della Direzione Generale della ASL Toscana Sud Est – ha precisato il dr. Massimo Gialli – Il nuovo Direttore generale ci ha assicurato che gli ospedali di prossimità sono al centro del nostro impegno al fine di mantenere tutte le funzioni che possono essere garantite con sicurezza e qualità, così da evitare di ingolfare gli ospedali più grandi, creando un disagio anche per i cittadini. Ringrazio la famiglia Grifoni per la donazione che, al di là del valore economico, ha un grande valore simbolico, ossia del servizio offerto alla comunità».
«L’idea di fare un sopralluogo c’è da tempo e ora c’è stata l’occasione positiva per venire, anche per questo ringrazio l’associazione Grifoni Forever per l’impegno dimostrato in questa e altre 9occasioni, è un impegno di sostanza e di affetto per il proprio ospedale ed i propri cittadini – ha spiegato il dr. Flavio Civitelli (direttore del Dipartimento Materno Infantile) – Il nostro obiettivo quotidiano, come Dipartimento, è costituire una rete aziendale di pediatria, con percorsi che garantiscano accesso veloce ed efficiente, lavorando in sinergia, nell’ottica esclusiva del piccolo paziente. L’idea degli ospedali in rete è vincente perché si possono garantire servizi ed esperienza qualificata, non pensiamo che un territorio come il nostro non si basi sulla capillarità, perché è il più vasto di tutta la Toscana».
«Il riammodernamento di questo spazio – ha spiegato Andrea Fiori a nome della “Grifoni Forever”- è importante per dare il segnale che questo ospedale si sta riarticolando. Ora la medicina è in rete, tre volte a settimana abbiamo visite specialistiche negli ambulatori e i genitori casentinesi devono sapere che il Pronto Soccorso di Bibbiena, in quanto presidio con percorso pediatrico di base, è in grado di garantire un’assistenza h24. Inoltre, su Arezzo ora c’è la doppia guardia pediatrica e neonatologica, 24 ore su 24, che consente di essere più sicuro anche nelle vallate. Come associazione cercheremo di continuare ad offrire uno stimolo costruttivo».
L’ambulatorio pediatrico è un servizio molto importante in Casentino e prevede tre aperture alla settimana (lunedì mattina, mercoledì e venerdì pomeriggio), con il pediatra che supporta anche il Pronto Soccorso. Oltre all’attività del pediatra di guardia, sono previste sedute con alcuni specialisti: per ora si tratta dell’allergologo e dello pneumologo. «Inoltre, i follow up dei bambini casentinesi nati al San Donato vengono effettuati qui all’ospedale di Bibbiena, evitando così uno spostamento fino ad Arezzo – hanno specificato Marco Martini (direttore della Pediatria) e Letizia Magi (direttore della Neonatologia) – Infine, il 17 maggio abbiamo il 7° corso per il Pronto Soccorso sui temi pediatrici, formazione che termineremo a giugno e ripeteremo più avanti perché è stata accolta con grande interesse da parte degli operatori. L’azienda non arretrerà rispetto a questo: gli ambulatori, la formazione e la disponibilità h24 di una guardia medica pediatrica per eventuali necessità dei Pronto Soccorsi come quelli del Casentino e della Valtiberina».
Infine, è intervenuto il dr. Claudio Cammillini (Responsabile del presidio ospedaliero del Casentino): «Come resistere alla rapidità d’azione di Enrico Grifoni? Ringrazio tutti, il Dipartimento che testimonia l’impegno e l’attenzione dell’Azienda, l’associazione che rappresenta l’opinione pubblica e il suo interesse per il buon funzionamento del nostro Ospedale».
A chiusura, gli interventi del Dr. Bianchi (direttore del Pronto Soccorso) e del dr. Alemanni (direttore di Ostetricia e Ginecologia) testimoniando l’interesse per il mondo dei bambini e la voglia di collaborare di tutti gli operatori sanitari. A breve ci sarà anche il trasferimento del reparto per le endoscopie al primo piano, cui seguiranno i lavori al Pronto Soccorso per la piastra dell’emergenza.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa Pallavolo casentinese dei giovani conquista il Campionato Comitato Etruria! E arriva seconda a livello regionale
Prossimo articoloElezioni Bibbiena: i programmi al metro (di Giorgio Renzi)
Valentina Giovannini
Nata nel 1981 a Bibbiena, dove ha vissuto fino al 2012, prima di andare a vivere con il marito nella campagna casentinese, nel Comune di Castel Focognano. Nel 2015 è nata sua figlia Dalia. Dal 2007 è iscritta all'Ordine Nazionale dei Giornalisti - elenco pubblicisti. Dal 2004 al 2008 ha collaborato con il mensile Casentino 2000, dal 2008 al 2012 è stata la corrispondente del Corriere di Arezzo per Bibbiena ed i Comuni del centro e basso Casentino. Collabora con Casentino Più dal 2014. E' anche addetta stampa del Gruppo Sabandieratori e Musici Città di Bibbiena, del Carnevale Storico di Bibbiena e dell'associazione "Mauro Grifoni Forever" del Corsalone (Chiusi della Verna). Nel 2009 si laurea in Studi linguistici e culturali (inglese, spagnolo e francese) presso l'Università di Siena. Per l'a.a. 2004/2005 vince una borsa di studio del MIUR e lavora come assistente di lingua italiana a Madrid. Nel 2006, a cavallo tra la laurea triennale e la magistrale, segue un Master in traduzione tecnico-scientifica a Torino, poi nel 2010 un Master in Comunicazione Pubblica e Politica presso l'Università di Pisa. Dal 2006 al 2008 lavora prima nell'ufficio commerciale import-export di Tacconi Sport, poi nell'amministrazione di CEG, finché nel 2008 entra nell'amministrazione provinciale di Arezzo tramite concorso. Dal Servizio Finanze e Bilancio passa al Servizio Promozione, con mansioni legate alla valorizzazione dei prodotti agro-alimentari del territorio e delle fattorie didattiche, nonché relativa organizzazione di eventi e comunicazione. In tale periodo è tra i redattori del mensile della Provincia di Arezzo e del portale arezzo.intoscana.it. Passa nel 2013 al Servizio che si occupa delle aree protette della provincia di Arezzo e nel 2016, a seguito del trasferimento di funzioni alla Regione Toscana, al Settore Tutela della Natura e del Mare della stessa, per il quale è referente della comunicazione e relativo redattore diffuso del sito istituzionale.