Bonconte da Montefeltro: passeggiata spettacolo tra teatro e storia

Ciclopista dell'Arno

Mercoledì 7 luglio ore 21.00

Continuano le celebrazioni per il Settecentenario della morte di Dante, e NATA Teatro questa volta ha ideato un evento davvero originale.

Protagonista non è il sommo poeta bensì Bonconte da Montefeltro, il condottiere “forato ne la gola” il cui corpo, caduto durante la battaglia di Campaldino, scivolò nel fiume Archiano e si perse in Arno, come racconta Dante nel Purgatorio.

Da questo spunto nasce una passeggiata spettacolo in notturna tra le rive dei due fiumi e i campi di grano, durante la quale sarà raccontata a più voci la vicenda della battaglia di Campaldino dal punto di vista di chi, questa battaglia, l’ha persa: gli aretini, certo, ma soprattutto donne, gente comune, poveri e contadini che, come spesso accade, sono spettatori inermi e vittime innocenti delle guerre.

Tanti i riferimenti storici, tante le licenze poetiche e teatrali che la Compagnia Nata decide di prendersi per viaggiare sul crinale tra realtà e immaginazione, per rivivere, insieme ai racconti di Bonconte, i luoghi fantastici del Casentino, densi di storia e letteratura.

Da un’idea di Livio Valenti, con Alessandra Aricò, Alessandra Bracciali, Elisa Ceccarelli, Cinzia Corazzesi, Laura Gorini, Mirco Sassoli, Andrea Vitali, Livio Valenti.

 Mercoledì 7 luglio ore 21.00, punto di ritrovo Ponte sul Teggina – Loc. Le Macee

I posti sono limitati, pertanto la prenotazione è obbligatoria al numero 3791425201 (anche whatsapp e SMS).

A cura di NATA Teatro in collaborazione con Comune di Bibbiena, Centro Creativo Casentino, Rete Teatrale Aretina, Ministero della Cultura, RAT – Residenze Artistiche Toscane

Con il contributo di Regione Toscana,  Dante O Tosco – Celebrazioni 700