Casentino: spuntano antenne come funghi, ecco cosa sono e a cosa servono

L'antenna per l'ERTMS di Santa Mama

Molti si saranno accorti delle grosse antenne che sono state installate recentemente lungo la ferrovia del Casentino. Tranquilli, non sono le famigerate antenne del tanto discusso 5G. Sono antenne oggettivamente non bellissime da vedere, ma, a quanto ci dicono da LFI, indispensabili per la sicurezza dell’intera rete ferroviaria e dei viaggiatori. La domanda specifica l’abbiamo fatta direttamente al Presidente di LFI Maurizio Seri. Ecco cosa ci ha risposto:

“Sono le antenne per il sistema di sicurezza ferroviario ERTMS che consentiranno ai nostri treni di poter viaggiare in massima sicurezza e, soprattutto, di poter continuare a viaggiare.
Questo è il sistema già installato per l’alta velocità. Antenne simili sono già presenti ad Arezzo e in tutta Italia dove, chiaramente, c’è l’alta velocità. Entro il 2023 tutte le ferrovie regionali dovranno essere dotate di questo sistema. Noi saremo tra i primi ad averlo fatto.”

Un sistema che è stato finanziato dalla Regione Toscana con circa 15 milioni di euro e che, in sintesi,  serve per la gestione, il controllo e la protezione del traffico ferroviario. Un sistema “progettato allo scopo di sostituire i molteplici, e tra loro incompatibili, sistemi di circolazione e sicurezza delle varie Ferrovie Europee allo scopo di garantire l’interoperabilità dei treni soprattutto sulle nuove reti ferroviarie ad alta velocità.”

Per chi volesse approfondire cosa sia il il sistema di sicurezza ERTMS (European Rail Traffic Management System), rimandiamo al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/ERTMS

L’antenna per l’ERTMS di Porrena