“Ci scusiamo per il disagio” fa tappa ad Arezzo

di Fabrizio Cardoni
Il libro inchiesta sul malcontento di chi vive la realtà del trasporto ferroviario presentato nella sala comunale “Giostra del Saracino” di Arezzo.
Treni soppressi o in continuo ritardo; storie di violenze, rabbia e vandalismo. Dal nord al sud Italia, uno spaccato della nostra società e una realtà quotidiana per molti italiani.
Tutto questo nel libro inchiesta “Ci scusiamo per il disagio. Treni, pendolari e odissee tutte italiane”, edito dalla Round Robin Editrice e scritto da due giovani giornalisti, Gerardo Adinolfi (di Repubblica Firenze) e Stefano Taglione (del Tirreno). Presentato ieri pomeriggio (Martedi 15 Dicembre) nella sala riunioni “Giostra del Saracino” del comune di Arezzo con la partecipazione del Sindaco Alessandro Ghinelli, dell’Assessore regionale Vincenzo Ceccarelli, delle rappresentanze dei pendolari e di uno dei due autori, Stefano Taglione.
Nato dalla necessità di dare un seguito ai loro stessi articoli, alle denuncie dei pendolari e dei capitreno aggrediti, ai malfunzionamenti e ai danni subiti dai treni, i due autori hanno iniziato a raccogliere informazioni e testimonianze che li hanno spinti a indagare sul mondo delle ferrovie anche al di fuori dei confini toscani di loro competenza. Il risultato è stato un viaggio nella penisola che fotografa la realtà italiana da Ragusa a Torino, attraversando la Calabria, la Basilicata, il Lazio, le Marche, la Toscana e la Lombardia.
Nella sala comunale di Arezzo, il tema ha dato vita a un sentito dibattito. Si è discusso della possibile chiusura, per i treni regionali, della galleria San Donato (da destinare all’alta velocità); della futura costruzione di una stazione (sempre per l’alta velocità) a Rigutino o a Farneta. Tra coincidenze saltate e orari da cambiare si è fatto il punto su una delle linee più congestionate d’Italia, la Roma-Firenze. Alla fine della presentazione, una nota meno amara sulla Toscana, che si presenterebbe comunque tra le migliori regioni italiane in materia di trasporti su ferro.
 

Ultimi Articoli

“ShepherdSchool”: nasce nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi la scuola per pastori e allevatori.

Pascoli e opportunità professionali con la zootecnia di montagna: dal mese di aprile partirà presso il centro di formazione "Officine Capodarno" (Stia) la "ShepherdSchool"....

Consiglio comunale aperto per svelare il nome della Mea 2023

Vagnoli: “Rinsaldare il rapporto con le nostre tradizioni significa saper guardare al futuro con maggiore consapevolezza”  Come avvenuto nel 2020, il suo nome della ragazza...

Mandrioli chiusi per rischio slavine

Dopo le ingenti nevicate dei giorni scorsi che hanno causato alcune slavine lungo la strada SP 142 dei Mandrioli, la Provincia di Forlì-Cesena ha...