Consob contro gli ex manager di Banca Etruria

Nuova puntata della bufera Etruria, questa volta protagonista è Consob, la commissione per le società e la borsa, che ha proposto delle sanzioni per gli ex manager della banca aretina. Si tratterebbe di una stangata per complessivi 2,5 milioni di euro e di questi 120 mila euro a carico di Pierluigi Boschi, il padre della sottosegretaria Maria Elena Boschi, per Giuseppe Fornasari 195 mila euro e per Bronchi 120 mila euro.

In particolare si contesta l’emissione delle obbligazioni subordinate da 120 milioni del 2013 che si ”azzerarono” in seguito al decreto salvabanche del governo Renzi. Nel mirino, tra l’altro, anche l’aumento di capitale da 100 milioni del 2013. Ennesime sanzioni queste che arrivano dopo quelle già proposte da Bankitalia. Ma non è detta l’ultima parola: gli ex manager, ricevuta la comunicazione con la proposta di sanzione da parte della Consob, hanno ora circa un mese di tempo per difendersi davanti alla Commissione, poi la Consob deciderà.

CONDIVIDI
Articolo precedenteStia, in arrivo il Go Volley
Prossimo articoloPoppi, alla scuola materna comunale arriva la quarta sezione
Silvia Bianchi
Nata ad Arezzo da genitori casentinesi vive e lavora tra Arezzo e Firenze. Dottorata in archivistica, ha una seconda laurea in Storia. Studia e lavora negli archivi pubblici e privati da oltre dieci anni. Si occupa di inventariazione, studio documentario, didattica in archivio. Scrive per “La Nazione” e “Toscana Oggi”. Ha pubblicato contributi ed articoli per riviste specialistiche di storia ed archivistica, oltre che il testo dal titolo “L’Archivio dell’ONMI – Federazione Provinciale di Arezzo”. Collabora con Casentinopiù dal 2010 tenendo una rubrica con la madre Maria Maddalena dal titolo “Storia e Territorio”.