Corezzo, domenica 22 novembre torna il “Mercatale” della Vallesanta

Evento dedicato al ciclo del pane e del grano, nella grande struttura riscaldata al coperto
Domenica 22 Novembre torna nello spazio espositivo di Corezzo il Mercatale della Vallesanta, mostra-mercato dei piccoli produttori alimentari e artigianali locali, biologici e naturali. Nella sgrande e accogliente struttura al coperto e riscaldata, il Mercatale presenta una nuova edizione arricchita da laboratori, passeggiate e piccoli eventi.
L’edizione autunnale avvia anche un percorso tematico: ogni Mercatale sarà così anche l’occasione per approfondire un aspetto della tradizione locale. Si parte con “Il ciclo del pane e del grano”, argomento attorno al quale si svolgerà nel pomeriggio una chiacchierata con i vecchi e nuovi abitanti della Vallesanta in cui confrontarsi sulla valorizzazione degli antichi mestieri e saperi attraverso le scelte di vita e di lavoro dei giovani. Al pane sarà anche dedicato lo spazio espositivo dell’Ecomuseo del Casentino, allestito con materiali ed oggetti della civiltà contadina legati a questa lavorazione.
La mostra-mercato, aperta dalle ore 10 alle 18, sarà anche accompagnata dalle “Parole di pane” della compagnia teatrale degli studenti del teatro Virginian di Arezzo.
La mattina comincia a piedi: alle 10 ritrovo presso il Mercatale per un’escursione gratuita a cura della Cooperativa InQuiete. La camminata collegherà i due spazi ecomuseali presenti in Vallesanta: quello ubicato nella scuola di Corezzo, dove è presente la “Stanza dei ricordi e delle sapienze manuali” e il Granaio di Narciso a Frassineta, una piccola ma significativa raccolta di proprietà privata con testimonianze della cultura materiale della Valle. Un piccolo viaggio di tre ore alla scoperta dei legami tra il passato e il presente della Vallesanta, tra gli strumenti della tradizioni utilizzati dagli anziani, memoria storica e i banchi di scuola che ospitano il futuro della valle. Alle ore 13 è possibile fermarsi a pranzo, su prenotazione, con prodotti biologici e stagionali sulle tavole.
Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa