Dantini in Toscana: una Poppi ‘blindata’ festeggia l’ultimo appuntamento

Firenze – La manifestazione che ha fatto il giro della regione si chiude a Poppi (Ar) con il centro storico chiuso al traffico veicolare e tante iniziative che proseguono per tutta la giornata. ‘Dantini in Toscana’, il progetto realizzato dall’Associazione ‘Venti Lucenti’ in collaborazione con il Consiglio regionale della Toscana, arriva al suo appuntamento finale.

Dopo Monteroni d’Arbia (Siena), Gavorrano (Grosseto), Cantagallo (Prato) e Castagneto Carducci (Livorno), nel centro storico di Poppi è un susseguirsi di iniziative da svolgere in piena libertà vista la decisione del sindaco, Carlo Toni di permettere l’accesso solo ai pedoni. Dopo la partenza della sfilata degli alunni della scuola elementare dell’Istituto Comprensivo Statale Poppi dalla Porta Santi di Cascese e l’esibizione, lungo il percorso, di studentesse e studenti del corso ad indirizzo musicale della scuola secondaria di I grado, si sono aperti i mercatini di Natale e gli stand gastronomici a cura della Pro Loco Centro Storico di Poppi. Culmine della manifestazione le due rappresentazioni dello spettacolo Dante Lirico Game presso il Castello di Poppi.

La soddisfazione del presidente dell’Assemblea legislativa, Antonio Mazzeo: “Volevamo rendere popolare Dante e oggi, in questo luogo incantevole, posso dire che ci stiamo riuscendo. Vedere queste bambine e bambini, ragazze e ragazzi sorridere e camminare per le strade del centro storico è emozionante”. Citando i colori identitari della Regione il presidente spiega che il “rosso è il simbolo della resistenza mentre il bianco rappresenta la libertà e la ripartenza. Questa è la nostra Toscana”. Nel ringraziare tutti coloro che si sono adoperati perché la manifestazione riuscisse, a cominciare dal sindaco, dal vicepresidente Casucci e dal consigliere Ceccarelli, Mazzeo parla di una “grande squadra che ha lavorato insieme per rendere sempre più la Toscana terra diffusa”.

Per il vicepresidente del Consiglio Marco Casucci Poppi “così evocativo e suggestivo” è perfetto per celebrare il Sommo Poeta. “Il senso di questa manifestazione – a suo dire – sta nell’attenzione del Consiglio regionale verso i territori e i nostri giovani”. Per il consigliere toscano Vincenzo Ceccarelli Dantini in Toscana è un “modo per portare la Divina Commedia in mezzo alle persone e alle famiglie”. Nel ricordare che il Castello di Poppi è tra i luoghi ricordati nel capolavoro di Dante, Ceccarelli rileva che manifestazioni come quelle di oggi sono un ulteriore segno di ripartenza e di celebrazione dei “nostri valori identitari”

“Abbiamo partecipato con entusiasmo al progetto coinvolgendo i nostri piccoli studenti con l’obiettivo di avvicinarli alla figura di Dante nell’anno delle celebrazioni per i 700 anni dalla morte”. Dichiara il sindaco di Poppi. “È una giornata di divertimento, con le vie del centro animate e vestite a festa. Ringrazio le famiglie per aver partecipato e la Pro Loco per aver organizzato gli stand gastronomici”.

È una grange gioia condividere con il Consiglio e i cittadini, i bambini e le scuole, l’avvicinamento alla figura di Dante con un approccio inclusivo e partecipativo, per sentirlo più vicino a tutti noi” dichiara Manu Lalli, direttore artistico di Venti Lucenti. “Dante nel Convivio afferma che la ‘divulgazione culturale è una forma di giustizia che serve a contrastare le ingiustizie sociali nate dalla cupidigia umana’. Speriamo che questa eredità che abbiamo raccolto e passato ai più giovani possa costruire un modello di rinnovata appropriazione civile” conclude.

Dantini in Toscana rientra nelle iniziative organizzate dal Consiglio regionale per celebrare i settecento anni dalla morte di DanteLa finalità del progetto è di avvicinare i bambini, le famiglie e le realtà territoriali alla figura del Sommo Poeta attraverso la scuola.

I video

Alcuni momenti della manifestazione che si è svolta per le vie del centro di Poppi

La dichiarazione di Antonio Mazzeo, presidente del Consiglio regionale

La dichiarazione di Marco Casucci, vicepresidente del Consiglio regionale

La dichiarazione del consigliere regionale Vincenzo Ceccarelli

La dichiarazione di Carlo Toni, sindaco di Poppi

La fotogallery