Differenziata a Capolona, Pasqui: “Noi pesantemente penalizzati”

Alcuni giorni fa l’assessore regionale  Monia Monni è arrivata a Capolona in occasione di un seminario sulle Comunità energetiche.  In quell’occasione l’amministrazione comunale ha così deciso di presentare  all’assessore un’interrogazione  scritta sui bonus della raccolta differenziata.

“La regione Toscana, nell’ultimo decennio si è espressa più volte ed anche in maniera decisa, affinché ci fosse un incremento della raccolta differenziata da parte dei comuni, con l’obiettivo di raggiungere il 70% come previsto dal Piano Regionale gestione rifiuti e Bonifiche – spiega l’assessore Daniele Pasqui – tutte le ATO, i gestori del servizio  ed i Comuni sono stati quindi spronati a riorganizzare i propri servizi di raccolta  mirati ad un incremento di RD  supportati anche   attraverso bonus da corrispondere  a quei comuni  più efficienti e per quelli con percentuali alte di RD. Anche  Capolona, con questa amministrazione, ha fatto la sua parte  in questi anni, infatti siamo  riusciti a raggiungere  in 5 anni punte tra il 75  e l’76%  ( 79% la percentuale provvisoria del 2022) e proprio per questo, visto anche l’impegno da parte dei cittadini per il conferimento dei rifiuti, ci sentiamo pesantemente penalizzati. Le  cifre stanziate dalla Regione nel 2018, 5,5 milioni  che ATO ha completamente erogato al gestore negli anni a venire tramite trance – prosegue Pasqui – purtroppo non sono state  sufficienti  e neppure eque e giuste  sulla ripartizione. Il nostro comune, per esempio, in questa fase di trasformazione è passato da una percentuale del 56% del 2016  ad una percentuale del 76% negli ultimi anni.  I cittadini hanno fatto benissimo la loro parte, sono stati stimolati, educati anche con promesse di ritorni economici. Ma i finanziamenti davvero troppo poveri non hanno compensato lo sforzo”.

In 5 anni il comune ha  percepito appena 50 mila euro che  non solo non hanno premiato il cittadino, che in maniera esemplare fa la raccolta differenziata, ma non hanno neppure calmierato gli  aumenti della Tari  con bollette aumentate a causa dei costi triplicati da parte del gestore degli impianti  e del nuovo calcolo Metodo Arera.

“Con  questa interrogazione , consegnata  all’assessore – conclude Pasqui – vogliamo spronare la Regione ad avere un maggiore occhio  di riguardo con quei comuni virtuosi, ai quali  preme la qualità della vita e dell’ambiente, ma preme anche salvaguardare il portafoglio del cittadino , solo una equa e giusta premialità può davvero essere un arma in più per alzare il livelli di raccolta che in tanti luoghi ancora del nostro territorio non superano il 25%.”

Ultimi Articoli

Arrivato il nuovo Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Bibbiena

I Carabinieri della Compagnia di Bibbiena (AR) hanno il nuovo comandante, che sostituisce il Cap. Giuseppe Barbato, destinato ad altro incarico È il Tenente Domenico...

“Stirella”: racconti di un’infanzia trascorsa nella campagna casentinese

Quando Graziella Ceccarelli mi ha chiesto di presentare il suo primo libro di racconti, mi sono sentita insieme lusingata ma anche un pochino preoccupata...

Al Cifa di Bibbiena la reunion della Brizzi Big Band

Casentino Jazz Orchestra: la mitica formazione torna di nuovo ad esibirsi venerdì 21 giugno alle 21.30 al Cifa di Bibbiena Metti un gruppo di grandi...