Due locali in Casentino scelti dalla Guida Michelin (Bib Gourmand)

Quando l’impegno paga.
La simpatica faccia dell’omino Michelin, non poco temuta e bramata dai ristoratori, si è affacciata per ben due volte in Casentino.
Cinque i riconoscimenti attribuiti a dei locali del nostro territorio toscano, ma ancor più orgogliosi ci rendono quei due ristoranti che esercitano in questa nostra terra, faticosa ma infinitamente ricca di talenti.
Anche cuochi e ristoratori fanno parte di questi, e i loro locali hanno poco da invidiare a lussuosi ristoranti cittadini.
Oltre a: “Da Alighiero” di Anghiari, “La Bucacci” di Cortona, “Fiorentino e locanda del giglio” di Sansepolcro, brillano e ci rendono orgogliosi “II Cedro” di Moggiona di Poppi ed “Il Tirabusciò” di Bibbiena.
La BiB Gourmand ha selezionato questi cinque ristoranti che spiccano per il rapporto di qualità e prezzo, tanto da scomodare l’omino Michelin per far loro l’occhiolino.
Un sincero in bocca al lupo va a Cristina e Mariangela Tassini de “Il cedro” e ad Alberto Degl’Innocenti de “Il Tirabusciò. Orgogliosi di voi ragazzi e buon lavoro!

CONDIVIDI
Articolo precedenteNata, gli eventi del fine settimana
Prossimo articoloA Bibbiena un’app per non vedenti
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce a San Piero in Frassino nel dicembre 1964. Oggi vive e lavora a Poppi con la sua famiglia, condivide un salone di parrucchieria col marito Claudio Barolo e ha due figli che ritiene i suoi “gioielli”, Lenny di 31 anni e Claudia di 13. La sua più grande passione è la scrittura, infatti Marina ha pubblicato 3 libri, due, di brevi storie che raccontano le problematiche di tutti i giorni, raccontate in maniera tale che possano dare un messaggio anche ai ragazzi più piccoli. I libri di novelle si intitolano: “Le brevi novelle della Marina” e “L’uomo alla finestra”. A settembre di quest’anno ha pubblicato il suo primo romanzo dal titolo “Occhi cattivi”, una storia che lancia un messaggio forte e purtroppo attuale, infatti il libro parla di abusi ai minori. Marina collabora da anni con Casentino Più, un magazine locale casentinese che l’ha aiutata ad allenare la sua scrittura, dal quale trae grande soddisfazione.