Prosegue il programma di “Stand Up For Africa – l’arte contemporanea per i diritti umani”, progetto che vuole favorire l’integrazione attraverso l’arte, che dopo l’inaugurazione della mostra ancora visibile fino a fine mese allo Hymmo Art Lab di Pratovecchio, propone nei prossimi giorni due nuovi appuntamenti:
Sabato 13 Ottobre alle 16.30 a La Verna verranno inaugurate alcune installazioni di Gianluca Tramonti nei chiostri interni del Santuario. Tramonti, giovane artista livornese ha partecipato a Stand Up For Africa 2016, studente presentato dall’Accademia di Belle Arti di Firenze, e poi nel 2017 come giovane artista, ha lavorato alla Cisterna di Montemignaio ad un’opera realizzata insieme a migranti e persone del luogo. Quest’anno avrà la possibilità con SUFA 2018 di esprimersi al massimo in una location d’eccezione di altissimo livello, come appunto il Santuario della Verna. L’installazione di Gianluca Tramonti si intitola “Light blue”, ed è ispirata alle opere di Andrea e Luca della Robbia che si trovano al Santuario.
Domenica 21 ottobre nel pomeriggio alle ore 17 psi torna allo HYmmo Art Lab di Pratovecchio Stia (AR) per “Human Library” un progetto dell’associazione Culturale Pandora di Montevarchi. Human Library è una sorta di “Biblioteca Vivente”, con lettori, bibliotecari e un catalogo di libri che in realtà sono persone in carne ed ossa che si raccontano. Questi “libri viventi” vengono “presi in prestito” per la conversazione: ogni lettore sceglie il suo libro. Il progetto internazionale nasce in Danimarca nel 2000, a seguito di un fatto di cronaca a sfondo razzista a cui l’associazione “Stop the Violence” con appunto questo progetto, ha voluto dare una risposta diversa ma profonda.

Comunicato stampa
Unione dei Comuni del Casentino
Poppi, 12 ottobre 2018