È uscita la guida della via Romea Germanica, un’opportunità per Bibbiena e il Casentino

E’ uscita la nuova guida della via Romea Germanica, una nuova grande opportunità per Bibbiena e il Casentino che, ovviamente, rappresentano tappe imprescindibili del percorso.

A darne notizia è l’Assessora al Turismo Francesca Nassini che commenta: “Una bellissima cosa alla quale abbiamo lavorato tutti di concerto come Casentino da anni. Oggi, grazie anche alla guida ufficiale, questo grande progetto ( capofila il comune di Castiglione Fiorentino) prende una forma diversa, più strutturata, che porterà nella nostra valle, tanti pellegrini da tutto il mondo. C’è soddisfazione per il lavoro fatto, per questo traguardo intermedio raggiunto che significa solo che dobbiamo andare ancora avanti e cercare di lavorare sempre in questo modo per organizzare al meglio anche i percorsi futuri tra promozione e accoglienza”.

Bibbiena ha già iniziato a curare l’accoglienza. Nella piccola frazione di Campi, dove passa la via Romea, è stato già organizzato il punto sosta con panchine e bacheca informativa. Inoltre, grazie a fondi Gal, in autunno verranno iniziati i lavori alla ex scuola elementare che diventerà un piccolo e accogliente ostello per i pellegrini gestito direttamente da un gruppo di cittadini. L’investimento su questo immobile è di 30 mila euro.

A questo proposito l’Assessora commenta: “Quello dell’ostello è un progetto che stiamo curando da tempo. Come amministrazione abbiamo anche promosso l’iniziativa di Binario0 a Bibbiena sempre per incentivare il turismo dolce quello legato alla pista ciclopista dell’Arno e quella di Serravalle per i turisti del Parco nazionale. Progetto del genere rendono un territorio vivo e produttivo nei confronti di più fasce di turisti e visitatori, legati ad una fruizione molto attiva del territorio. Ringrazio le varie realtà località come associazioni e pro loco che ogni volta ci supportano in questi percorsi di valorizzazione dei luoghi”.

La via Romea Germanica è stata descritta per la prima volta nel 1256 da Alberto di Stade, monaco viaggiatore, e fu il più importante itinerario per i pellegrini medievali che venivano dal Nord Europa: città d’arte, pievi e monasteri ne testimoniano ancora la storia.

Oggi possiamo percorrerla ancora, in 94 tappe per un totale di circa 2000 km.

La Via Romea Germanica di Stade corrisponde a quella che era indicata da Alberto di Stade come la Melior Via – la Via Migliore tra le varie possibili – per raggiungere Roma.

Lunga circa 2000 chilometri, la via attraversa tre paesi in 94 tappe: 44 in Germania, 4 in Austria e 46 in Italia.

Ultimi Articoli

Voci dal Casentino: “Martedì d’autore”… incontri letterari in una cornice perfetta

L’Associazione culturale “La cornucopia” e nella fattispecie il presidente Giulio Locatelli, scrittore e poeta subbianese, ha istituito per più martedì estivi, degli incontri riguardanti...

Bibbiena, tutto pronto per l’inaugurazione dell’Imagine Camp di Santa Maria

Gli street Artist Andrea Crespi e Manu Invisible hanno completato il lavoro sulla pace nel campo da basket di Piazzale John Lennon che sarà...

Oltre 2 milioni di euro per la rigenerazione culturale, sociale ed economica di Chiusi della Verna e Ortignano Raggiolo

Unici territori della vallata ad aver vinto il bando ministeriale.  Uno straordinario risultato per Chiusi della Verna e Ortignano Raggiolo, i due comuni casentinesi accomunati...