FareComune: il borgo di Castel Focognano è abbandonato a se stesso

Si porta a conoscenza della cittadinanza che come gruppo di minoranza “Farecomune” abbiamo fatto una segnalazione alla giunta comunale affinché intervenga celermente per risolvere il problema nel centro storico di Castel Focognano. Il borgo del paese, che dà il nome al Comune, è infatti lasciato a se stesso, con muschio e licheni un po’ ovunque, ma soprattutto con un problema sanitario dovuto alla massiccia presenza di piccioni con il guano presente per le vie del paese.

L’appello è rivolto all’assessore Pietrini, con delega al decoro urbano, al quale vogliamo ricordare che in un Comune, oltre che al capoluogo, esistono anche le frazioni. Tra l’altro abbiamo la fortuna di contare su dei piccoli centri che sono veri e propri gioielli a livello storico-culturale, che quindi meritano il giusto rispetto. Considerato poi che vicino a Castel Focognano vive il Consigliere con delega al turismo la situazione è ancora più kafkiana.

Il nostro augurio è quello che, invece di pensare ad abbattere piante sane in piazza Mazzini a Rassina, l’attenzione venga rivolta altrove, parafrasando una frase proprio dell’assessore “il bello va mantenuto”, “non abbattuto” aggiungiamo noi.

GRUPPO CONSILIARE FARECOMUNE

Ultimi Articoli

Bibbiena, una targa per i 50 anni di attività di Gabriella e Sabrina di Soldani Gioielli

CONTINUA LA CONSEGNA DELLA TARGA ALLE REALTA’ ARTIGIANALI E COMMERCIALI DEL TERRITORIO. BIBBIENA SI DISTINGUE PER LA LONGEVITA’ DELLE SUE ATTIVITA’ Questa mattina è stata...

Nuova Materna di Pratovecchio Stia, ci siamo: da novembre potrà ospitare i bambini

Il sopralluogo del sindaco Caleri e del dirigente scolastico Librizzi: “Soddisfatti, impegno rispettato”. I lavori di realizzazione della nuova scuola dell’infanzia di Pratovecchio Stia si avviano verso l’ultima...

L’estate dell’Ecomuseo entra nel clou: ecco gli eventi della settimana

Entra nel clou l’estate casentinese dell’Ecomuseo che in questa stagione mette in mostra i suoi tesori più nascosti, perché non c’è borgo, par quanto...