Frana ai Mandrioli, Fratelli d’Italia: “Si va avanti con la politica delle toppe”

“Ancora una grossa frana sul versante romagnolo, chiuso anche il versante toscano. Si va avanti con la politica delle toppe” dichiarano il Consigliere regionale di Fratelli d’Italia Gabriele Veneriil referente Fdi per il Casentino Federico Dini e l’esponente di Fdi di Badia Prataglia Paola Romiti.
“Questa volta la frana si è verificata tra l’ex ristorante “Raggio” e le Tre Botti, a circa 2km dal valico. L’interruzione del Passo dei Mandrioli comporta per i pendolari ed automobilisti una difficile viabilità alternativa da Badia Prataglia ed il Casentino ci si deve spostare, facendo purtroppo una strada secondaria, a Pieve Santo Stefano, prendere la E45 e poi direzione Cesena, qualcuno fa anche la Firenze-Bologna -spiegano Veneri, Dini e Romiti– Tra Bagno di Romagna a Badia Prataglia ci sono 19 chilometri con circa 30 minuti di percorrenza, con questa frana si devono fare percorsi alternativi e si impiega anche un’ora e mezza, con la presenza della neve sulla strada anche due ore. Si tratta di frane cicliche che si riversano improvvisamente sulla carreggiata e mettono a grave rischio l’incolumità di automobilisti, motociclisti, ciclisti. La Provincia di Forlì Cesena ha sostenuto una spesa ingente per mettere delle reti di contenimento ma non sono state sufficienti visto che il terreno si muove sollecitato dai cambiamenti climatici”.
“Nel maggio 2022 come Fratelli d’Italia, rappresentanti toscani e romagnoli, manifestammo contro la pericolosità della strada: la carreggiata è stretta, mancano i guard rail l’asfalto è accidentato, pieno di cunette, ed il Passo dei Mandrioli è percorso da auto come dai camion, in particolare durante l’estate -spiegano Veneri, Dini e Romiti– L’arteria stradale, che collega il versante casentinese a quello romagnolo, ha una importante valenza sia a livello turistico che economico per i territori interessati. Torniamo a chiedere alle istituzioni regionali e provinciali della Emilia Romagna e della Toscana, tutte targate Pd, di prendersi la responsabilità di intervenire per mettere davvero in sicurezza la strada, in passato messo sotto sequestro dalla Procura di Forlì a causa della sua pericolosità. È necessario un intervento importante e non i tradizionali rattoppi che, sappiamo, essere buoni solo a camuffare il problema ma non a risolverlo. Da molti anni assistiamo solo ad interventi tampone a seguito di eventi emergenziali, nessun intervento sistematico e risolutivo”.

Ultimi Articoli

Le innovazioni di iPhone 14: caratteristiche e funzionalità da comprendere per una scelta ottimale

L’iPhone 14 è il penultimo modello (in attesa dell’uscita dell’iPhone 16 di giugno 2024 con inizio vendite a settembre) della celebre linea di smartphone...

Estate a Bibbiena 2024: si parte con gli eventi

Ne parla la nuova Assessora Francesca Nassini che annuncia: “Presto un progetto per aiutare ancora di più le associazioni a sbrigare le pratiche burocratiche...

Noleggio veicoli commerciali: la gestione della logistica senza stress

Per creare e gestire un'impresa occorrono tenacia e senso pratico, ma non bisogna certamente trascurare i dettagli, perché sono quelli a fare la differenza,...