Francesco e la strada dell’amicizia

Una strada, simbolo della vita, intesa come un procedere verso; la strada simbolo del nostro percorso interiore verso la libertà. Strada come simbolo che unisce due punti lontani. A Pian del Ponte la piccola frazione che porta al paese di Serravalle, il 10 di Luglio alle ore 15.00 verrà intitolata la strada che conduce alla piccola chiesetta del paese, a Francesco Scerbo, figlio di Renata e Fulvio morto il 22 Novembre 1995 ad Anzio a causa di un atto di bullismo
Da questa morte e da dodici lunghissimi anni di lotte giudiziarie, il 18 luglio 2008, nasce l’associazione “Il Rifugio di Francesco” onlus, con sede a Partina.
L’obiettivo principale dell’Associazione è quello di conoscere e valutare il disagio giovanile, nelle sue molteplici forme, in particolar modo contenere quei comportamenti che possono sfociare in atti di bullismo. Attraverso i nostri interventi è stato possibile stimolare nuovi percorsi di crescita, fermarsi a riflettere sul perché di tanta violenza e solitudine, nei giovani e intorno ai giovani.
Come si legge sul sito dell’associazione: “Il bullismo non è una malattia da guarire a colpi di atti giudiziari (tra l’altro relativi nella loro applicazione come dimostra il caso di Francesco): il bullismo è prima di tutto la solitudine dei nostri ragazzi, la loro inconsapevole ma costante richiesta di aiuto, la richiesta di non essere lasciati soli in un mondo sempre più complesso e veloce. Nessuno nasce bullo: qualcuno lo diventa e non viene certo estratto a caso dalla sorte. I fattori che condizionano questo passaggio possono essere compresi e prevenuti e anche quando ciò fosse risultato impossibile, possono essere contrastati dopo il loro insorgere. Per farlo però, è assolutamente indispensabile un gioco di squadra e tanta pazienza. Gioco di squadra perchè non è pensabile che le diverse componenti quali famiglia, scuola, istituzioni, associazioni e quanto altro incide nella vita dei ragazzi, non siano tra loro coordinate. Pazienza perchè quanto si fa risulta spesso una goccia nell’oceano e per di più ha tempi e modalità di maturazione che a noi non sempre è dato cogliere”.
L’intitolazione della strada a Francesco rappresenta per la comunità di Pian del Ponte un gesto carico di significati: dalla vicinanza a mamma Renata presidente dell’Associazione, alla volontà di accogliere i giovani per fare un piccolo tratto di percorso verso la comprensione reciproca. Il 10 di Luglio è dunque un giorno di festa, poiché quella strada è già un manifesto di intenti.

Comunicato Stampa – COMUNE DI BIBBIENA

 

Ultimi Articoli

“ShepherdSchool”: nasce nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi la scuola per pastori e allevatori.

Pascoli e opportunità professionali con la zootecnia di montagna: dal mese di aprile partirà presso il centro di formazione "Officine Capodarno" (Stia) la "ShepherdSchool"....

Consiglio comunale aperto per svelare il nome della Mea 2023

Vagnoli: “Rinsaldare il rapporto con le nostre tradizioni significa saper guardare al futuro con maggiore consapevolezza”  Come avvenuto nel 2020, il suo nome della ragazza...

Mandrioli chiusi per rischio slavine

Dopo le ingenti nevicate dei giorni scorsi che hanno causato alcune slavine lungo la strada SP 142 dei Mandrioli, la Provincia di Forlì-Cesena ha...