Fusioni, a briglia sciolta nel PD del Casentino

(di Silvia Bianchi)
Chi tiene le redini del PD nel Casentino? A sentire le ultime notizie nessuno. Difatti da quando Massimo Macconi,
quasi due anni fa, non è più coordinatore del Pd nella vallata non ci sono stati avvicendamenti e forse se ne vedono le conseguenze. Ma siccome quando il gatto non c’è i topi ballano… ecco che il Comitato per la fusione di Chiusi della Verna ha raccolto nel dicembre 2015 ben duemila firme per la fusione tra questo comune, Bibbiena ed Ortignano. Per tentare di fare chiarezza in questa intricata vicenda, che da qualche tempo sta creando sconcerto nell’opinione pubblica, abbiamo deciso di interpellare il coordinatore del Pd di Bibbiena, Niccolò Buoncompagni, che riguardo al tema delle fusioni ci risponde: “Noi del Pd di Bibbiena abbiamo fatto e stiamo portando avanti un percorso coerente; abbiamo appoggiato il Comitato, dopo aver avuto dei colloqui con i sindaci dei comuni di Chiusi della Verna e di Ortignano, interessati da questa iniziativa.”
Tellini, in quell’occasione era ancora dell’idea di non procedere ad alcuna fusione. Tuttavia questo tema, valutato positivamente dal PD a livello regionale e provinciale ha avuto l’appoggio anche del PD bibbienese infatti Buoncompagni afferma: “Abbiamo sostenuto il Comitato, anche politicamente, perché come Pd di Bibbiena riteniamo la proposta valida; ci offre numerose opportunità tra le quali avere finalmente anche nella nostra vallata, un comune che conti 15.000 abitanti. Inoltre questi tre comuni sono già uniti dal punto di vista economico e viario; oltre al fatto che riteniamo importante dare valore a queste duemila firme, raccolte in pochissimi giorni”.
Nessun dissidio quindi tra il PD di Bibbiena e quello di Chiusi, nonostante il repentino cambiamento di rotta del sindaco di quest’ultimo.
Aspettiamo l’evolversi della situazione.