I pericoli nascosti del trading online

Uno strumento che sta avendo tanto successo sui media e tra gli investitori, anche nel mercato volatile del 2021: il trading online comporta comunque pericoli nascosti (a ben guardare, neanche troppo nascosti) che all’inizio non sono sempre evidenti. Il rischio principale deriva dal fatto che il trading online può sembrare ingannevolmente facile.
I costi inferiori e le velocità più elevate del trading online possono portare investitori altrimenti conservatori a fare trading con eccessiva frequenza e con una discreta dose di scioltezza; una leggerezza che è sempre nemica del business e degli investimenti.
Il fatto di avere, come si diceva, costi ridotti (in quanto vengono a mancare le commissioni solitamente prese da banche o da intermediari) può essere redditizio per brevi periodi ma non è profittevole sul lungo termine.

Se all’inizio si guadagna, sul lungo periodo i nodi vengono al pettine

In una fase iniziale la mancanza di commissioni può anche essere vista come un vantaggio, che nel breve periodo tende ad affievolirsi. Quella che in linguaggio spiccio può essere chiamata come la fortuna del principiante e che quando comincia a venir meno porta i nodi a venire al pettine.
Entrando un po’ più nella sfera tecnica con i consigli forniti da Tradingonlineguida, investire sfruttando le piattaforme di trading porta anche ad acquistare azioni di qualità inferiore e poco negoziate. L’essenza del trading è la semplicità, quindi la possibilità di effettuare scambi in modo rapido riducendo i costi di commissione.
Ma le best practices sulle quali focalizzarsi restano sempre le stesse: è più importante concentrarsi su società consolidate e di alta qualità, cercando di mantenerle a lungo per avere possibilità di aumentare i profitti.

Il conto demo è un vantaggio ma anche un rischio

Altro esempio, il conto demo, quello che viene aperto senza soldi reali per iniziare a fare pratica; una manna dal cielo in fase iniziale ma anche un rischio. Un controsenso? Non esattamente: i conti demo per fare pratica possono generare falsa fiducia. I conti di pratica dovrebbero essere identici ai conti reali in tutto tranne che in un aspetto: si vanno ad acquistare azioni al loro interno con denaro immaginario o “virtuale”, piuttosto che reale.
L’industria del brokeraggio afferma che questo offre agli aspiranti trader un’opportunità gratuita di imparare a fare trading online senza rischiare denaro. Il pericolo di questi strumenti è dato dal fatto che con i conti di pratica si tenderà a tentare un approccio di investimento rischioso se non del tutto impossibile.
In sostanza a non concentrarsi su operazioni reali in quanto trascinati dal fatto che i soldi investiti non sono veri: fattore che potrà avere il suo riscontro in una fase successiva, quando si inizierà invece a fare sul serio.