I territori del Pratomagno premiati a Roma dal Ministero dei Beni Culturali

Fra le 7 menzioni speciali consegnate ieri a Roma in occasione della cerimonia del Premio nazionale del Paesaggio c’è la Regione Toscana con il progetto “I territori del Pratomagno”. Il riconoscimento è stato assegnato nella sede del ministero dei beni culturali (sala Spadolini) nel corso di una lunga cerimonia in cui sono stati illustrati i progetti in gara (145 presentati e 73 ammessi), consegnati gli encomi (15)e le menzioni (10 di cui 7 speciali) da parte della Commissione, alla presenza del ministro Gennaro Sangiuliano. Era presente l’assessore alle infrastrutture e governo del territorio Stefano Baccelli accompagnato dal direttore dell’urbanistica Aldo Ianniello e dallo staff della struttura del Paesaggio della Regione Toscana che ha realizzato il progetto vincitore
“Abbiamo fatto una proposta di qualità – ha detto l’assessore Baccelli ricevendo la menzione speciale- un progetto che porta avanti un percorso che si è sviluppato negli anni volto alla valorizzazione delle peculiarità paesaggistiche del Pratomagno, con il coinvolgimento delle diverse istituzioni e realtà associative esemplificate dalla Carta dei Valori del Pratomagno, dalle Mappe di Comunità, e dall’Ecomuseo del Casentino La Toscana – ha aggiunto l’assessore – ha saputo bene interpretare i quattro criteri indicati nel regolamento del Premio cioè lo sviluppo sostenibile, l’esemplarità, la partecipazione pubblica e la sensibilizzazione. E di questo siamo molto orgogliosi”. L’assessore ha ringraziato la commissione anche a nome del presidente Giani , di tutta la struttura regionale del Paesaggio e anche dei 12 Comuni e delle due Unioni dei Comuni che hanno siglato il Protcollo d’intesa con la Regione.
“L’idea- ha spiegato ancora Baccelli –   è quello di far percepire il Piano paesaggistico non come un vincolo, ma appunto come un’occasione di sviluppo. Il paesaggio della Toscana è una teoria di diversi paesaggi e questi progetti vogliono valorizzare peculiarità  e rinnovare economie tradizionali, come in questo caso la castagna;  recuperare  sentieri e cammini antichi. Questo è un esempio di quella che è la strategia della Regione Toscana che,  grazie al Piano paesaggistico  e a questo strumento pianificatorio innovativo che è il Progetto  di Paesaggio, può essere messa in atto”.

Nel dettaglio il progetto premiato  è incentrato sulla rete di Cammini, percorsi principali e diffusi di fruizione lenta connessi con risorse territoriali identitarie, individuate anche attraverso il processo partecipativo, in un’ottica di sistema con la tutela, gestione e valorizzazione degli usi e dei paesaggi agroforestali tradizionali quali la Pratina di crinale, paesaggio aperto e luogo di ritrovo per la comunità, i castagneti da frutto e i terrazzamenti, contro l’abbandono a favore della riattivazione di economie legate alle produzioni tradizionali come l’economia della castagna

L’iniziativa si svolge in occasione della Giornata nazionale del Paesaggio istituita nel 2016. Il Premio nazionale del Paesaggio è alla sua IV edizione e viene assegnato ogni due anni.

Ultimi Articoli

Al Cifa di Bibbiena la reunion della Brizzi Big Band

Casentino Jazz Orchestra: la mitica formazione torna di nuovo ad esibirsi venerdì 21 giugno alle 21.30 al Cifa di Bibbiena Metti un gruppo di grandi...

“La cultura della fatica”: il 19 giugno la presentazione del progetto al castello di Porciano

Il 19 giugno alle ore 17:30, presso il castello di Porciano, è prevista la presentazione del progetto "La cultura della fatica" promosso dall'Unione dei...

Tutto pronto per la Granfondo Città di Poppi: boom di iscrizioni

A una settimana dall’evento si può già dire che la Granfondo Città di Poppi sarà un grande successo. Il numero di iscritti ha già...