Idee per un Ferragosto diverso: quando i Caraibi sono in Casentino

Ecco alcuni dei fiumi più belli per trovare un po’ di refrigerio, distendersi al sole e …. non solo. Il Consorzio 2 Alto Valdarno promuove le sue “mete blu”: sono il leit motiv del Contratto di Fiume Casentino H2O, che sta iniziando il suo iter.

In molti quest’anno, per scelta o necessità, non si allontaneranno troppo da casa. E allora ecco qualche idea per trovare un po’ di refrigerio, distendersi al sole e non solo: i fiumi del comprensorio, raggiungibili in poco tempo, sono ricchi di occasioni di relax e svago e, per giunta, consentono il pieno rispetto del distanziamento sociale imposto dalle regole anti-COVID 19.
A promuovere la riscoperta di torrenti, cascatelle e pozze locali è il Consorzio 2 Alto Valdarno che si occupa della manutenzione ordinaria di questi corpi idrici.
La più gettonata? E’ sicuramente la spiaggia lungo l’Arno al Canto alla Rana nel comune di Pratovecchio-Stia. Ogni anno il comune introduce una paratia per far salire il livello dell’acqua. I Caraibi del Casentino sono qui, dove, oltre ai bagni e alla tintarella, è possibile regalarsi un bel tuffo nell’acqua cristallina, a pochi chilometri di distanza dalla sorgente del fiume. La presenza di spazi attrezzati per il barbecue, l’area di pesca sportiva no kill fresca di inaugurazione, gli impianti sportivi e l’adiacente mini-parco avventura fanno il resto!
Rimanendo in Casentino, ma spostandoci tra i comuni di Chiusi della Verna e Bibbiena, impossibile non approfittare del torrente Corsalone, l’affluente dell’Arno che nasce sul crinale appenninico e scorre per un lungo tratto tra grandi massi e impenetrabili canaloni nel cuore delle Foreste Casentinesi. Quando la pendenza diminuisce, il torrente forma belle pozze chiuse da grandi massi di arenaria o da cascatelle artificiali utilizzate per frenare la corsa dell’acqua durante le piene. Si prende volentieri il sole distesi sulle rocce e nelle spiaggette naturali e si fa il bagno in acque fresche ma mai troppo fredde. Un vero piacere per vincere la canicola estiva.
A Talla, nel piccolo comune ai piedi del massiccio del Pratomagno, c’è il Capraia, particolarmente indicato per i più avventurosi. Caratterizzato da pozzoni naturali che si alternano a gole selvagge è un’ottima meta per chi ama l’acqua trekking. La Coop InQuiete propone un suggestivo percorso ad anello che prevede la risalita del corso d’acqua e la successiva discesa attraverso un antichissimo sentiero.
In Valdarno anche Loro Ciuffenna ha il suo mare d’acqua dolce. E’ il “Pozzone“, una grande vasca naturale poco distante dal borgo. È situata sul Ciuffenna, sotto un ponte ed è facilmente accessibile, basta riuscire a superare lo scoglio della temperatura dell’acqua. Imboccando la strada per la frazione di Gorgiti inoltre il torrente regala tante altre piccole e ben raggiungibili piscine naturali dall’acqua trasparente che consentono di ritemprarsi lontano dalla confusione e dai rumori.
“Lungo questi corsi d’acqua, che il Consorzio 2 Alto Valdarno cura con tecniche naturali e rispettose della biodiversità, si possono trovare oasi tranquille per trascorrere una giornata piacevole, da soli o in compagnia”, spiega la Presidente del CB2 Serena Stefani.
Destinazioni comode, vicine e abbordabili, amate dagli umani ma apprezzate anche dagli amici a quattrozampe!
“Il tema dell’utilizzo e della fruizione dei corsi d’acqua è il tema centrale del Contratto di Fiume H2O Casentino, promosso dal Consorzio 2 Alto Valdarno e sostenuto con convinzione dai sindaci della vallata. Sta muovendo in questi mesi i suoi primi passi e nasce con l’obiettivo di valorizzare e far conoscere ed apprezzare i nostri fiumi, preziosa risorsa, sotto l’aspetto ambientale e a fini turistici, come elementi di forte attrazione”, conclude la Presidente.

Comunicato stampa Consorzio 2 Alto Valdarno