Il Ministero dello Sviluppo Economico risponde agli alunni della Primaria di Poppi

“Cari ragazzi, sono il capo segreteria tecnica del Ministro Giorgetti e sono stata felice di aver ricevuto la vostra e-mail che dimostra tutto il vostro interesse per argomenti non sempre conosciuti alle persone della vostra età. Sicuramente il tema della transizione ecologica, di cui si parla spesso con il rischio di considerarlo solo un argomento di moda, rappresenta un punto centrale per la costruzione del mondo che ci aspetta nei prossimi anni. Ho letto le vostre due lettere e mi scuso se non sono riuscita a rispondervi prima, ma vi assicuro che, nonostante non vada più a scuola da tanto tempo, anche per me questo periodo dell’anno è stato davvero molto intenso, a causa dei numerosi fatti che sono successi e di cui siete sicuramente a conoscenza, essendo così informati e preparati.”

Comincia così la lettera di risposta che il Ministero dello Sviluppo Economico ha inviato agli alunni della classe 4D della Scuola Primaria di Poppi. I bambini, sotto la guida della Maestra Sara Stocchi, responsabile del Progetto CEPNET Erasmus+, e di tutto lo staff insegnanti, avevano scritto al Ministero, evidenziando tematiche sulle quali avevano discusso in classe ed elaborando proposte e soluzioni possibili. Spunti importanti, ancora di più perchè provenienti da alunni così giovani e su temi che di rado vengono affrontati nelle aule di una scuola primaria. I ragazzi della 4D hanno suscitato l’interesse e l’attenzione del Ministero, con il loro entusiasmo, la loro maturità, e la loro passione.

Significativa è anche la conclusione della lettera: “Allora cari ragazzi, come vedete ci sono tante possibilità per realizzare un mondo più verde e più sostenibile in cui poter vivere bene, ma sono certo che senza l’aiuto di: Aurora, Francesco, Asia, Sara Elena, Anna, Lorenzo, Giulia, Irene, Matteo, Riccardo, Sumaiya, Ionatan, Marco, Gaia, Jasmine Teodora, Anita, Niccolò e Andrea non ce la possiamo fare! Per costruire il futuro c’è bisogno di ragazzi sensibili e formati come voi avete dimostrato di essere, a beneficio di tutti! Grazie

Ps: un grazie speciale anche a tutto il corpo insegnante e alla preside della scuola di Poppi!”.

Quando diciamo che la scuola deve formare i cittadini di domani, dobbiamo intendere esattamente quello che stanno facendo gli insegnanti della Primaria di Poppi.

Federica Cenni
Federica Cenni
Nata nell'anno bisestile 1976, vive all'ombra del Castello di Romena e lavora all'ombra di quello di Poppi. Zoologa, dopo il Dottorato di Ricerca in Etologia, abbandona senza rimpianti l'Università per specializzarsi nell'insegnamento della Matematica. Dal 2016 insegna Matematica e Scienze all'Istituto Comprensivo di Poppi. E' ritenuta una persona stravagante, ma, come dice Thoreau, l'"extra-vaganza" dipende solo dall'ampiezza dei confini che decidiamo di superare.

Ultimi Articoli

Ultima settimana del Festival del Libro di Bibbiena: altri grandi autori e altri eventi

Un festival da record nelle prime due settimane: 1430 persone che hanno partecipato ai vari eventi, più di 500 libri venduti, 40 insegnanti del...

Da Badia Prataglia una storia d’amore di altri tempi

Ti chiamerò Flora Questa è una storia d’amore apparentemente al pari di una delle tante altre nate in tempo di guerra, che la guerra ha...

Carlo Toni a proposito di Poppi e turismo

«La Regione Toscana in base alla L.R. n. 86 - 2016/2018 - informazione e accoglienza turistica - ha stabilito che si costituissero gli A.T.O....