Il sindaco Vagnoli interviene su sanità e urbanistica all’assemblea Anci

Lo scorso Lunedì 10 Febbraio 2020 il Sindaco di Bibbiena Filippo Vagnoli ha preso parte con altri 100 sindaci toscani all’Assemblea regionale Anci aperta dal Presidente Matteo Biffoni e dal Direttore Simone Gheri.

In questo contesto i sindaci hanno portato le loro istanze da presentare ai candidati alla presidenza della Regione Toscana.

Per quanto riguarda i territori montani il Sindaco di Bibbiena ha innanzitutto contestato il concetto di area vasta.

Ecco il suo commento a margine dell’Assemblea: “Ho voluto che questo concetto fosse indicato all’interno del documento rivolto al candidati alla presidenza poiché è un concetto che coinvolge ambiti importanti quali sanità, rifiuti, acqua. Sulla sanità in particolare l’esperienza della Usl Toscana sud-est ha dimostrato tutta la sua inefficacia. I centri nevralgici, quelli in cui si prendono decisioni essenziali per i nostri territori, sono sempre più distanti dai cittadini, ma anche dagli amministratori. E questo quando parliamo di sanità è drammatico. Stessa questione i rifiuti. Faccio un esempio concreto per far capire la situazione in modo immediato: Bibbiena è il 16esimo comune per abitanti nell’area vasta dei rifiuti e “pesa” a livello decisionale e politico, diciamo, per uno 0,39 in assemblea dei soci. Come facciamo a far valere le nostre posizioni? Come possiamo far pesare le richieste o gli eventuali disagi dei cittadini?”.

Il Sindaco Vagnoli è intervenuto anche sul fronte dell’Urbanistica, aprendo un fronte importante che non era ancora stato toccato dagli altri sindaci toscani: “Ho chiesto che nel documento fosse inserita la richiesta di rivedere la legge 65 del 2014. In estrema sintesi, è una legge che pone delle restrizioni troppe grosse per costruire in aree residenziali  e industriali anche per territori come i nostri. Mi chiedo, come si fa a mettere sullo stesso piano città come Firenze e paesi come i nostri? E’ buon senso. Ciò che ho chiesto è una diversificazione di questi ambiti profondamente differenti tra loro. Non si possono mettere in ginocchio imprenditori e privati su ambiti territoriali come i nostri. Le legge è performante e giusta  per le citta’,ma non certo per noi”. 

C. Stampa

Ultimi Articoli

“Bicicletteide”, le storie del ciclismo in scena nei borghi di Ortignano Raggiolo

Tra martedì 16 e giovedì 18 agosto si terrà una mini-rassegna teatrale a cura di Samuele Boncompagni. Le tre serate di racconti sono in...

Bibbiena e Subbiano, firmata la convenzione per la Centrale Unica di Committenza

Questa mattina i Sindaci dei comuni di Bibbiena e Subbiano, Filippo Vagnoli e Ilaria Mettesini, si sono trovati per una firma importante che porterà...

Nel borgo in musica di Poppi, tante presenze e tanta magia

E’ stata una serata all’insegna della convivialità, della musica, dei desideri e della magia, quella magia che da sempre caratterizza la serata di San...