Imago Mundi: un progetto dell’Istituto “Alto Casentino”

“IMAGO MUNDI” è un progetto dell’Istituto Comprensivo “Alto Casentino” vincitore del bando nazionale del MIBACT “Cinema e Immagine Per la Scuola”, con il sostegno del Parco Nazionale Foreste Casentinesi Monte Falterona e Campigna, realizzato in collaborazione con Ecomuseo e Unione dei Comuni Montani del Casentino, che si pone gli obiettivi del miglioramento della consapevolezza di docenti e studenti in relazione ad arte contemporanea, ambiente e multicultura.

Saranno inoltre attivati laboratori di ripresa e montaggio per ragazzi con Cesare Baccheschi ed anche lezioni di storia del cinema a cura di Gaia Bonsignore  e approfondimenti sulle tradizioni locali a cura del CRED dell’ UCMC.

La giornata del 16 dicembre sarà il primo step del progetto, con un incontro col regista Massimo Luconi, che prevede un matinée con i ragazzi delle terze della secondaria e un pomeriggio aperto con docenti e genitori che si terrà alle 16.00 nell’aula magna della Scuola Secondaria di Pratovecchio Stia.
Nell’incontro del pomeriggio saranno proiettati alcuni estratti di video sui temi di arte, ambiente, multicultura,
commentati dall’autore.

 MASSIMO LUCONI

Regista e autore teatrale e televisivo, è stato direttore del teatro Metastasio della Toscana dal 2002 al 2005 e condirettore dal 2010 al 2015. Fra i suoi ultimi lavori, Il dolore di M.Duras con Mariangela Melato, Sarabanda di I. Bergman con Massimo de Francovich, Giuliana Loiodice,  Antigone una storia africana con giovani attori senegalesi, Prometeo da Eschilo con Luca lazzareschi, Preghiera per Cernobyl da S. Aleksievic con Mascia Musy.  Per  Rai Cinema il documentario l’occupazione cinese made in Prato, per la regione Sicilia  il video Alicudi fra cielo e terra.

CESARE BACCHESCHI

Giornalista che vive e lavora nella provincia di Arezzo. Al momento si occupa di girare documentari per reti locali. Dopo aver conseguito tre lauree, una in Filosofia, in Scienze Politiche e Giornalismo, ha inseguito il sogno di una vita all’estero per poi capire, una decina di anni dopo, che tutto quello che cercava era dietro l’angolo. Ha vissuto in vari paesi del mondo, tra cui, Stati Uniti, Inghilterra e Olanda, e ha fatto tanti lavori, dal cameriere al fotografo, all’operatore in associazioni con richiedenti asilo, per poi fare il passaggio al giornalismo. È coautore di un libro intitolato How U Dey? edito da F&C Edizioni.

GAIA BONSIGNORE

Autrice e regista di opere audiovisive sia narrative che documentarie. Dopo la laurea all’Università di Siena in Storia del Cinema e il diploma all’Accademia del Cinema e della Televisione a Bologna,  Gaia ha completato un Master of Fine Arts quadriennale in Film Production all’University of Texas di Austin, dove ha vissuto, insegnato cinema a livello universitario e prodotto film per otto anni, dal 2006 al 2013. Le sue opere audiovisive hanno ricevuto premi sia a livello nazionale che internazionale. Oggi vive e lavora nel campo audiovisivo tra l’Italia e gli Stati Uniti.

Ultimi Articoli

Un pensiero ogni tanto: “Mamma, è sparito il castello”

Mamma, è sparito il castello Tempo di ascolto dell'articolo: 1'03"   -Mamma, mamma è sparito il castello… - Mentre pronunciava queste parole il bambino stava voltato verso il...

Conferenza sindaci, eletto il sindaco di Sovicille: il commento di Vagnoli

“Ieri la proposta dell’Assessore Tanti che mi ha sostanzialmente scelto come il nome adatto per ricoprire il ruolo di presidente della conferenza aziendale dei...

Da oggi si può ottenere il marchio del Parco Nazionale Foreste Casentinesi: ecco come fare

Il marchio del parco nazionale delle Foreste casentinesi. Nel trentennale della sua istituzione, parte il progetto che permetterà all'area protetta di "consigliare" aziende agricole, strutture...