Investire usando le app: i consigli degli esperti

Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Ormai esiste una app per tutti, ci siamo trasformati nel corso degli anni in consumatori / fruitori legati in modo maniacale al nostro smartphone e per questo necessitiamo di app per molteplici esigenze. Ormai ce ne sono di ogni genere, adatti ad ogni circostanza: anche il settore degli investimenti si è aperto ed oggi le applicazioni per fare trading risultano tra le più scaricate.
Proprio per qusto, e tenendo conto del fatto che il trading resta sempre uno strumento ad alto rischio, cerchiamo di capire meglio come muoversi nel settore ed in che modo usare le app per investire riducendo i rischi. Lo facciamo con il supporto di tradingonline.top.

Quanto sono diffuse le app per investire?
“Negli ultimi tempi moltissimo, una tendenza che sta crescendo di mese in mese. Il trading online è in ascesa da anni, veniva praticato soprattutto tramite piattaforme online per investire; negli ultimi tempi il tutto si sta spostando sulle app per smartphone, frutto anche dei dati, ormai incredibili, riferiti al tempo che trascorriamo attaccati ai nostri telefonini.”
Cosa si deve valutare quando si sceglie una app per investire?
“Nella ricerca delle migliori app di investimento si deve considerare ciò che potrebbe essere importante per i diversi tipi di investitori, non ultimo il costo. Spesso è necessario spendere soldi per sperare fare soldi, ma con alcune app di trading è possibile ridurre al minimo le commissioni e mantenere comunque una strategia di investimento di qualità.”
E quali sono invece i fattori più a rischo?
“Potremmo citare i robo-adviser, software che un algoritmo per gestire gli investimenti degli utenti al loro post. Un meccanismo già ampiamente sperimentato nel trading online tramite piattaforme e che si è dimostrato essere altamente imperfetto. Il rischio è che con questo strumento si sentono più inclusi anche gli investitori medi, quelli che non hanno dimestichezza con il mondo della finanza.”
Dal punto di vista tecnologico quali sono i paletti da tenere a mente?
“Licenze ed autorizzazioni su tutto: un po’ come per le piattaforme di trading. D’altra parte gli stessi broker hanno ormai, quasi tutti, una app proprietaria da offrire ai propri investitori. Nei vari store per app si trova un po’ di tutto, anche applicazioni senza licenze. Quali sono le autorizzazioni da verificare? Soprattutto FCA, CySec o Consob: se la app ha una di queste 3, si può stare tranquilli. E poi, sempre dal punto di vista tecnico, la compatibilità con il proprio sistema operativo e con i parametri tecnici del proprio telefono smartphone.”

CONDIVIDI
Articolo precedenteQuali sono le migliori azioni da acquistare in Borsa
Prossimo articoloSpaccio, arrestato un bibbienese che aveva una piccola serra in casa
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce a San Piero in Frassino nel dicembre del 1964. Oggi vive e lavora a Poppi, dove condivide un salone di parrucchieria col marito. Ha due figli che sono la sua vita e la scrittura è la sua più grande passione, infatti ha pubblicato due libri di novelle e tre romanzi. A primavera uscirà il suo sesto romanzo che sarà macchiato di giallo. Da anni collabora con la rivista casentinese CasentinoPiù.