La ciclopista dopo la tromba d’aria: ripristinata la viabilità a tempo di record

In passato abbiamo criticato aspramente il modo in cui la ciclopista veniva manutenuta. L’abbiamo fatto in occasione dell’alluvione del 2019 (passarono molti mesi prima che il fondo della ciclovia venisse sistemato) e l’abbiamo fatto in diverse occasioni quando l’erba eccessivamente alta non veniva tagliata. Oggi, invece, dobbiamo fare i complimenti all’Unione dei Comuni per la velocità con cui ha ripristinato la viabilità nella pista ciclabile dopo che la tromba d’aria di domenica scorsa l’aveva danneggiata in molti punti. Siamo passati lunedì scorso (27-09-’21) nel tratto che va da Ponte a Poppi a Bibbiena e avevamo contato almeno 5 piante – anche di notevoli dimensioni – che ostruivano il passaggio. Ieri (30-09-’21), come testimoniano le foto che pubblichiamo, a soli 3 giorni dalla bufera che ha colpito il Casentino, le piante erano già state tagliate e tolte e la viabilità della ciclovia ripristinata. È giusto “dare a Cesare quel che è di Cesare” e quando le cose vengono fatte bene è giusto sottolinearlo. Se la manutenzione della ciclopista verrà fatta in questo modo e con questa tempestività anche in futuro, siamo sicuri che sarà un plus per l’immagine del Casentino nei confronti dei turisti che, speriamo, la frequenteranno.

Ultimi Articoli

Bibbiena, una targa per i 50 anni di attività di Gabriella e Sabrina di Soldani Gioielli

CONTINUA LA CONSEGNA DELLA TARGA ALLE REALTA’ ARTIGIANALI E COMMERCIALI DEL TERRITORIO. BIBBIENA SI DISTINGUE PER LA LONGEVITA’ DELLE SUE ATTIVITA’ Questa mattina è stata...

Nuova Materna di Pratovecchio Stia, ci siamo: da novembre potrà ospitare i bambini

Il sopralluogo del sindaco Caleri e del dirigente scolastico Librizzi: “Soddisfatti, impegno rispettato”. I lavori di realizzazione della nuova scuola dell’infanzia di Pratovecchio Stia si avviano verso l’ultima...

L’estate dell’Ecomuseo entra nel clou: ecco gli eventi della settimana

Entra nel clou l’estate casentinese dell’Ecomuseo che in questa stagione mette in mostra i suoi tesori più nascosti, perché non c’è borgo, par quanto...