“La Grande Via” apre la nuova sede nella villa La Mausolea di Soci. Inaugurazione con letture, cibi e meditazione

Nadeshwari Joythimayananda

Nella storica Villa “La Mausolea”, a Soci, a pochi chilometri da Camaldoli (Ar), – nuova sede dell’associazione “La Grande Via” – venerdì 8 giugno alle ore 17.00 Nadeshwari Joythimayananda e Lucia Vigiani leggono pagine del volume La madre dei mondi, scritto da Carla Perotti. Appuntamento gratuito riservato esclusivamente ai soci de La Grande Via. A seguire, per chi lo desidera, possibilità di cena macromediterranea.

Inaugurare una nuova casa significa portare nei suoi ambienti “buoni auguri”. “La Grande Via” lo fa con le parole di un libro di una maestra di yoga e di vita, guida verso un profondo cambiamento. Le forze che Carla ha portato nelle sue giornate sono le stesse che “La Grande Via” vuole portare nelle stanze de “La Mausolea”.
Le voci saranno quelle, ugualmente profonde, di Nadeshwari Joythimayananda e di Lucia Vigiani. Voce come esplorazione del proprio essere e dello spazio, voce come benedizione, per il corpo e per l’ambiente.
La lettura sarà accompagnata da sequenze di yoga, per compenetrare lo spazio con il proprio corpo, in modo consapevole.

Evento gratuito ed esclusivo riservato ai soci de la grande via.
All’entrata sarà necessario esibire la tessera associativa.
Iscrizione obbligatoria:
https://www.eventbrite.it/e/biglietti-la-madre-dei-mondi-45753978381
Al termine dell’evento possibilità di cenare presso “La Mausolea” a base di menu macromediterraneo.

LA MADRE DEI MONDI
Un luminoso affresco, edito dalla casa editrice “La Grande Via” nel 2016, con cui l’autrice Carla Perotti, venuta a mancare da poche settimane, offre una riflessione che ha la qualità di una meditazione scritta: con ricordi e richiami al pensiero di eminenti Maestri spirituali del nostro tempo e alle eterne domande dell’uomo, ci rende partecipi di un’esperienza trascendente in cui la visione di un essere femminile le pone un’opzione divina, scelta obbligata che le cambierà la vita per sempre.
A volo di uccello, Carla illustra il sogno divino e la vita di Mirra Alfassa, l’essere che pose l’opzione, controparte spirituale del maestro indiano Sri Aurobindo, considerata incarnazione vivente della “Madre dei Mondi”.

NADESHWARI JOYTHIMAYANANDA
Incarna l’abbraccio tra Oriente e Occidente auspicato dai saggi dello scorso secolo: nasce in Sri Lanka e ha origini indiane, cresciuta in Italia ha acquisito la conoscenza dell’Ayurveda e dello Yoga in quanto tradizione di famiglia. Il padre Swami Joythimayananda è il fondatore dell’Ashram Joytinat.
Si avvicina al Tantra Yoga incontrando Guru-ji Baswar Rajkumar con il quale pratica sadhana attraverso i mantra. Nei suoi viaggi in India incontra ed esplora gli insegnamenti di Mata Amritanandamayi e Ramana Maharshi.
In Asia fin da piccola, apprende la danza del tempio Bharatanatyam che approfondisce da adulta diventando docente in Mystical Dance. Viene inoltre introdotta ai mantra e al canto classico indiano in stile Karnatik e Hindustani. In Europa incontra lo sciamanesimo dei Curanderos Maya di Vera Cruz ed è iniziata alla percezione della multidimensionalità della realtà.
Da anni si dedica a Incontri di Consapevolezza al Femminile e alla Maternità secondo Yoga e Ayurveda. Negli ultimi anni si è aperta e ha integrato le conoscenze delle tradizioni con le nuove scienze. Collabora con il progetto “La Grande Via” fondata dal Dott. Franco Berrino. È ideatrice e autrice di Matrika ‒ Consciousness Development. Attualmente espande le conoscenze Vediche relative alla manifestazione della vita umana sulla Terra con la formazione in Prenatal and Birth Therapy di Dominique Dègranges.

LUCIA VIGIANI
Insegnante di yoga, naturopata diplomata presso la scuola SIMO (Italia), si è formata come counselor presso la University of the Islands (USA) con specializzazione in Psicologia e Dialogo delle Voci. Si occupa attivamente di problematiche sociali e ambientali e fa parte del consiglio direttivo di Un Tempio per la Pace. Da molti anni insegna yoga secondo la Tradizione dei Maestri Himalayani e si reca periodicamente in India, all`Ashram di Rishikesh, per aggiornamenti e per approfondire la propria pratica personale. Per molti anni ha fatto parte del Consiglio Direttivo dell’Himalayan Yoga Institute di Firenze. È membro della Direzione Didattica della Scuola di Formazione Insegnanti di Yoga e Meditazione e del percorso di Educazione Continua Permanente.

LA GRANDE VIA
La Grande Via è un’associazione fondata nel 2015 dall’epidemiologo Franco Berrino e dalla giornalista Enrica Bortolazzi, con lo scopo di favorire iniziative volte a promuovere la prevenzione delle malattie e la longevità in salute attraverso il cibo sano, il movimento e la vita spirituale (www.lagrandevia.it).
Berrino ha dato un importante contributo alla ricerca sulle cause, sulla prevenzione e sulla prognosi delle malattie croniche e sullo stile di vita che influenza la longevità. La Bortolazzi ha contribuito, con iniziative editoriali, a promuovere la consapevolezza di temi spesso ignorati da chi informa sulla salute, come l’etica, la disciplina, l’empatia, la compassione, l’amore.

FRANCO BERRINO
Medico, epidemiologo, già direttore del Dipartimento di Medicina Preventiva e Predittiva dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. Nella sua attività quarantennale di ricerca e prevenzione ha promosso lo sviluppo dei registri tumori in Italia e coordinato i registri tumori europei per lo studio della sopravvivenza dei malati (Progetto EUROCARE). Ha coinvolto decine di migliaia di persone in studi sulle cause delle malattie croniche (Progetti ORDET e EPIC). I risultati gli hanno consentito di promuovere sperimentazioni per modificare lo stile di vita allo scopo di prevenire l’incidenza e la progressione dei tumori (progetti DIANA).
È autore di vari best-seller tra cui Il cibo dell’uomo (Franco Angeli) e coautore di altri libri di grande successo come La Grande Via (Mondadori, febbraio 2017) e Ventuno giorni per rinascere (Mondadori, febbraio 2018).

LA VILLA “LA MAUSOLEA”
Nel centro della località Case Sparse di Soci (nella frazione di Bibbiena – Arezzo), si alza la chiara facciata della villa, scandita da un’elegante loggia a tre arcate, come tre sono le Vie (Nutrizione, Movimento, Ricerca Interiore) che secondo La Grande Via scandiscono la salute. L’orologio in pietra, presente al centro della loggia centrale, e le due meridiane ci ricordano che il tempo trascorre senza eccezioni, modellando natura, corpo, mente e ambienti.
Come questo edificio storico, sorto nel Medioevo e successivamente rimaneggiato più volte, si è adattato negli anni conservando la sua antica forza, ugualmente il nostro corpo e la nostra mente possono affrontare le sfide del tempo ottimizzando le loro risorse e potenzialità.
Scegliendo questa antica tenuta dei monaci camaldolesi, testimone dei ritmi agricoli e spirituali della nostra tradizione, come propria sede, La Grande Via lancia alcuni chiari intenti: rispetto della tradizione, cura della terra e dei suoi prodotti, ricerca spirituale a fianco della ricerca scientifica tradizionale, amore per la natura e per il vivere dell’uomo all’interno di essa.
“La Mausolea” si trova al centro dell’Italia, perno ideale fra le distanze geografiche del nostro paese, asse di una bilancia simbolica che vuole riportarci all’equilibrio. Nei boschi secolari del Casentino, nel silenzio di questa terra raccolta e intima, ospiti e visitatori potranno ritrovare una sensazione di armonia.
Il progetto de “La Grande Via” a “La Mausolea” è ambizioso e generoso: mettere in relazione il lavoro dei migliori esperti e professionisti dell’ambito medico, della nutrizione, del movimento consapevole, della ricerca interiore, per fare di questo luogo un centro di “medicina illuminata”, che raccolga l’eredità di quelle antiche dimensioni di solitudine e comunione, cosi radicate nel Casentino e nel cuore dell’uomo.

I SERVIZI ATTIVI A LA MAUSOLEA, RISERVATI AI SOCI DE LA GRANDE VIA
N.B. Per partecipare a tutte le iniziative promosse a “La Mausolea” (a eccezione dell’inaugurazione di giovedì 7 giugno) è necessario essere soci de La Grande Via.
Per iscriversi: http://www.lagrandevia.it/iscrizione-associazione-grande-via/

Vitto
Presso La Villa “La Mausolea” è possibile godere della cucina Macromediterranea, con menu ideati dal Dott. Franco Berrino, coordinati dalle cuoche Simonetta Barcella e Silvia Petruzzelli, allieve dirette del celebre epidemiologo.
Il refettorio può ospitare fino a 50 coperti. I menu sono preparati con ingredienti biologici, biodinamici, acquistati sul territorio.

Alloggio
Alloggiare a “La Mausolea” significa fare ritorno a ciò che è essenziale. La linda semplicità delle sue camere e dei suoi servizi e gli arredi d’epoca sono testimoni di un passato antico e austero, che “La Grande Via” vuole valorizzare.
La Villa dispone di circa 15 camere, di cui la metà dotate di servizi igienici in condivisione con altri ospiti.

Biblioteca dell’anima
“Medicina per l’anima” era inciso sopra l’ingresso della biblioteca dell’antica città di Tebe. Per questo “La Grande Via” ha ideato il progetto “Biblioteca dell’anima”: ogni ospite e viandante che varchi la soglia de “La Mausolea” è invitato a donare all’associazione il suo libro preferito. Ciascuno di noi ha nella vita un libro che ci ha consolato, illuminato, curato… Lasciandone una copia a “La Mausolea” (Ar) lo renderemo testimone del nostro cambiamento e potenziale strumento di crescita per qualche altro lettore.
Tutti i libri donati dai soci andranno a costituire la biblioteca della nuova sede de “La Grande Via”, un luogo che, prima del corpo, ha l’ambizione di toccare l’anima.
Chi lo desidera può spedire una copia del suo “libro dell’anima” a:
C.A. Enrica Bortolazzi
Villa La Mausolea
Via Case Sparse
Località Soci
Bibbiena Arezzo

asa convegni
Per i soci è prevista la possibilità di usufruire della sala per conferenze (attrezzata con impianto audio e video).

Comunicato stampa
Bibbiena, 30 maggio 2018