L’Apericcia di Chiusi della Verna sbanca tutto

Metti una sera a cena un gruppo di amici e tantissima carne alla brace ed ecco servita l’Apericiccia. Si è conclusa con un clamoroso successo la seconda edizione dell’Apericiccia a Chiusi della Verna. Il classico aperitivo per una sera è stato messo in un angolo: in cattedra è salita la carne, quella di ogni tipo. All’entrata, oltre a pagare un ticket dal costo di dieci euro, veniva consegnata al commensale una bevanda a scelta in un bicchiere di carta: dopodiché ci si poteva accomodare nella propria panca e assaggiare carne alla griglia con il contorno, servita continuamente dall’organizzatori. Fino alle 22,00 i commensali sono andati aumentando, anche al di là delle più rosee aspettative. Una gran bella serata che è stata caratterizzata anche da una parentesi musicale per soddisfare le esigenze sia di grandi che di piccini. L’Apericiccia 2016 si è conclusa con lo spettacolo pirotecnico che ha illuminato il cielo del Casentino. Adesso arriva un po’ di meritato riposo per gli organizzatori e poi si inizierà a progettare l’edizione del prossimo anno.

CONDIVIDI
Articolo precedentePonte a Poppi, la prima messa di Don Luca
Prossimo articoloCorezzo e la sagra del Tortello alla Lastra
Silvia Bianchi
Nata ad Arezzo da genitori casentinesi vive e lavora tra Arezzo e Firenze. Dottorata in archivistica, ha una seconda laurea in Storia. Studia e lavora negli archivi pubblici e privati da oltre dieci anni. Si occupa di inventariazione, studio documentario, didattica in archivio. Scrive per “La Nazione” e “Toscana Oggi”. Ha pubblicato contributi ed articoli per riviste specialistiche di storia ed archivistica, oltre che il testo dal titolo “L’Archivio dell’ONMI – Federazione Provinciale di Arezzo”. Collabora con Casentinopiù dal 2010 tenendo una rubrica con la madre Maria Maddalena dal titolo “Storia e Territorio”.