Le donne dell’acqua: una “task force” tutta rosa

Guidato da una Presidente donna, l’unica in Toscana, una delle poche a livello nazionale, e dotato di tante professionalità femminili a capo dei settori strategici, il Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno può contare anche su una “task force rosa” per la valorizzazione e la conoscenza dei corsi d’acqua in gestione

Si era già distinto come Consorzio  “rosa” quando, nel maggio 2019, la sua presidenza era stata affidata a Serena Stefani, la prima donna alla guida di un ente di bonifica, in Toscana.

Un titolo successivamente confermato anche dalla forte presenza femminile in ruoli strategici.

E’ la “donna dell’acqua” Lorella Marzilli, ingegnere idraulico, che con il suo staff, si preoccupa del funzionamento, della manutenzione e della progettazione e realizzazione dei distretti irrigui. E’ lei a coordinare i lavori perché ogni anno alle imprese agricole della Valdichiana possa essere consegnata la risorsa con continuità e in quantità sufficiente.

E’ la donna che ci difende dall’acqua Serena Ciofini, ingegnere ambientale, che, da anni, coordina l’attività di manutenzione ordinaria del reticolo idraulico gestito dal Consorzio di Bonifica: 6.500 km di tratti, 9 tecnici (tra ingegneri, forestali, geometri) e 15 operai.

E’ progettista, direttore lavori  Giulia Pierozzi, giovane geometra, che, da circa un anno, coordina due aree idrografiche importanti come Arezzo e Valdarno.

Il Consorzio si conferma rosa anche perché può contare su una straordinaria  “task force” tutta al femminile per l’utilizzo, la  valorizzazione e la difesa dei corsi d’acqua in gestione.

Il volto più noto è sicuramente quello di Fiorenza Mascalchi, la “regina delle trote” ultraottantenne che, con la sua acquacoltura in alta montagna, utilizza le acque del fiume per la riproduzione di esemplari autoctoni di elevata qualità. La sua esperienza è indubbiamente una delle storie più belle e positive raccolte dal Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno nell’attività di conoscenza e monitoraggio del territorio, primo passo per la compilazione del quadro conoscitivo che sta alla base del Contratto di Fiume Casentino H2O, sottoscritto lo scorso mese di dicembre.

E sono ancora femminili i volti della Presidente e della Vice Presidente del Circolo aretino di Legambiente Arezzo: Chiara Signorini e Ilaria Violin rappresentano uno dei motori trainanti dei contratti di fiume promossi dal Consorzio di Bonifica. Sono indispensabili alleate dell’ente nella programmazione di interventi di difesa dei corsi d’acqua dai rifiuti e dalle plastiche e nel percorso di educazione ambientale e avvicinamento di adulti e bambini agli habitat fluviali.

Sono tante  ancora le donne che contribuiscono ad animare i corsi d’acqua con le loro attività e la loro sensibilità e che collaborano attivamente con il Consorzio per rendere i fiumi sempre più sicuri, puliti e vissuti con rispetto e attenzione.

“L’8 Marzo è per noi un giorno importante per ricordare l’importanza di “vivere alla pari” nel lavoro, nell’impegno sociale, nella conservazione dell’ambiente, nel corretto utilizzo della risorsa e dei fiumi. L’acqua, bene prezioso, è anche elemento di superamento delle differenze e di educazione al loro rispetto!”, commenta la Presidente Serena Stefani.

Ultimi Articoli

Il borgo di Raggiolo ospita la Festa di Transumanza

Domenica 16 giugno è in programma una giornata di festa con tante iniziative per tutta la famiglia La Festa di Transumanza permetterà di tramandare le...

Lavori in corso nel territorio di Bibbiena

Vagnoli: “Il secondo mandato inizia con l’impegno verso il futuro” Il secondo mandato della lista civica Obiettivo Comune e del Sindaco Vagnoli inizia all’insegna di...

Capolona, l’aretino Lorenzo Corsetti è campione intercontinentale di kickboxing

L’atleta del Team Jakini si è imposto sul serbo Sladan Dragisic nella notte de “Le stelle del ring” Corsetti, già campione italiano nel 2024, ha...