Lega Casentino: Ceccarelli assente sulle scelte sanitarie in Casentino

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa della Lega Casentino

Recentemente la ASL ha tolto due posti letto nel reparto SPDC dell’ospedale di Bibbiena, portando i pazienti con necessità di trattamenti sanitari volontari e obbligatori presso l’ospedale di Arezzo con la speranza che vi sia disponibilità, rimane attivo solo il servizio territoriale. La Regione Toscana, che ha in mano la sanità pubblica ha deciso ancora una volta di penalizzare i cittadini casentinesi, anche in questa occasione non si è sentita la voce dell’assessore regionale Ceccarelli, penso che sarebbe importante per gli abitanti della vallata sapere cosa ne pensa di questa ultima vicenda.

La passata settimana, i sindaci di vallata hanno riaperto la contrattazione dei patti territoriali e la loro nuova sottoscrizione con i vertici della ASL Toscana sud-est per il mantenimento ed il rafforzamento dei servizi socio sanitari. Bene hanno fatto i sindaci casentinesi, ma, in tutta questa vicenda che riguarda la sanità in Casentino con il graduale depotenziamento dei servizi avvenuto in questi anni per le scelte dettate dalla Regione, guidata dal Partito Democratico, cosa ha fatto l’assessore Vincenzo Ceccarelli  per evitare ciò? visti i risultati sino ad oggi, direi nulla.

A cosa è servito ai cittadini del Casentino, votare un loro conterraneo, che, non ha saputo difendere gli interessi della vallata e dei suoi abitanti.

Egiziano Andreani (responsabile del Casentino)