“Naturalmente Pianoforte” Sorgente musicale in Casentino

di Piero Casini
Non una gara, ma una pacifica rappresentazione di musica al pianoforte, espressa da autorevoli maestri ,ma anche da semplici amatori.
Un successo che è andato oltre ogni più rosea previsione, condiviso da tutti i partecipanti .
Bellissime le musiche dal vivo suonate in piazza e negli angoli più caratteristici della cittadella, che per i quattro giorni della manifestazione hanno allietato la vita paesana. Sublime e dolcissima l’eterea rappresentazione del 24luglio, presso la chiesa di Romena , ove, nel silenzio assoluto della natura, i tanti spettatori, hanno avuto il privilegio di poter ammirare il sorgere del sole ascoltando le melodiose note suonate con infinita maestria da un grande professionista. Indescrivibile l’emozione. Gli occhi di tutti i presenti erano rivolti al cielo per ringraziare Colui che ci ha regalato tanta bellezza e sonorità.
E poi… gli allestimenti dei pianoforti (finti) a cura dei Rioni di Pratovecchio : sette per l’esattezza. Una sfida tra rioni?… No! …Una perfetta collaborazione.
In fila ordinata i pianoforti rionali allestiti dagli abitanti dei vari quartieri si stagliavano fieri in Via XX Settembre, meglio conosciuta dai Pratovecchini come Borgo Mezzo.
Ogni rione ha abbellito il proprio pianoforte con una nota di colore personale, rappresentando quello che era il tema assegnatogli dall’Organizzazione. Per il Rione Lungarno del quale io faccio parte, il tema era: “ Piano Fiori musica leggera” .
Ma, vi siete mai chiesti che cosa c’è dietro a tutto questo?
Ci sono delle persone creative e volenterose che, in rappresentanza del proprio rione e senza alcun ritorno economico, mettono a disposizione la loro arte e il loro tempo facendosi carico della realizzazione dell’opera.
Tutti gli abitanti ,motivati da spirito di gruppo, contribuiscono alla realizzazione ,con una offerta in denaro destinata all’acquisto del materiale necessario anche se, in realtà, si cerca di usare più possibile materiale di recupero che non comporta un esborso economico, ma che richiede comunque impegno sia per essere reperito che per essere modellato.
La prima cosa da fare è ritirare la scocca del finto pianoforte, realizzata in legno grezzo, poi pensare ad un luogo idoneo alla realizzazione dell’opera, che nel nostro caso è stato un garage.
Gli step successivi sono l’ideazione della scenografia in base al tema assegnato e soprattutto la sua realizzazione!
Compito, quest’ultimo, lasciato alle donne che… “Ne sanno una più del diavolo”.
Una volta che il progetto ha preso forma, occorre acquistare i fiori, il terriccio, i nastri e la carta adesiva, la colla etc… insomma tutto ciò che occorre per vedere l’opera che prende forma.
Quanti incontri in garage!! Sera dopo sera, finita la cena… di corsa a creare!! Sempre con tanta allegria e tanto spirito di collaborazione! Ognuno ha il suo compito che porta a conclusione con abilità e maestria finchè il pianoforte rionale non è ultimato!!
E quando l’opera è terminata, va trasportata nella zona del paese adibita all’esposizione dei pianoforte rionali!! E allora via! Tutti a spingere il carrello che di solito viene usato per il trasporto del pellet, ma che per l’occasione c’è servito per far arrivare la nostra opera in Borgo Mezzo.
Borgo Mezzo è pronta ad ospitare i coloratissimi pianoforti : sette opere d’arte che allieteranno i suoi caratteristici archi.
La manifestazione ha inizio: si affacciano i primi visitatori, tra villeggianti, turisti e locali. Non mancano gli apprezzamenti e le strette di mano per congratularsi. Tutto è perfetto. L’impegno e la fatica sono ripagati dall’espressione di apprezzamento di tutti coloro che ammirano la creatività degli abitanti di Pratovecchio.
Tutto è andato nel migliore dei modi. Una manifestazione unica nel suo genere, dolce e delicata, che profuma d’impegno e d’estate.
Ora però è arrivato il momento di fare i nomi dei volontari del “Rione Lungarno” ai quali va il ringraziamento di tutti gli abitanti e che, anche se il nostro grazie alla fine si concretizza con una semplice pacca sulle spalle, vogliamo comunque dire che sono il nostro orgoglio e la nostra forza!
Grazie di cuore a Daiana, Quizze, Calle , Ivana, Serena e Piero . E’ sempre un piacere e un privilegio interagire con voi.
Piero Casini