“Il Casentino ha già scelto il proprio nome per la nomina nella neo istituita commissione pari opportunità della provincia di Arezzo, ci auguriamo che la convocazione tardiva della zona socio sanitaria, che dovrà indicare i nomi individuati dai tre ambiti di Arezzo, Casentino e Valtiberina, sia solo una svista e non una manovra studiata a tavolino”. La Sindaca di Talla Eleonora Ducci, membro di diritto della commissione e responsabile Anci Toscana per il contrasto alla violenza di genere, interviene sul conflitto in corso relativo alla scelta delle nomine da parte dell’ambito socio saniatrio aretino: “Vorrei fare un appello alla collegialità invitando a valutare, vista la non condivisione sul nome, il curriculum delle candidate ispirandosi così al principio di meritocrazia. L’Assessora alle pari opportunità del comune di Arezzo, Tiziana Nisini, indicata per la nomina, nonostante 5 comuni su 6 abbiamo espresso la loro preferenza per Erika Rampini, non si è mai occupata concretamente del tema oggetto della commissione, mentre Rampini ha una comprovata esperienza sul tema delle pari opportunità, non solo a livello istituzionale ma anche per la sua formazione, unita a una sensibilità non comune”. La scadenza per presentare i nomi è l’11 settembre, ma ieri è arrivata una convocazione della zona per il 17 settembre. “Ci auguriamo che questo ritardo non sia frutto di una decisione presa in mala fede ma di una semplice svista, poiché l’indecisione della zona aretina rischia di impedire anche le altre nomine” ha concluso Ducci.

Comunicato stampa
Eleonora Ducci
Talla, 6 settembre 2019