Nozze di ferro per Maria e Quinto Giovannini

Maria Dini e Quinto Giovannini

Ricorre oggi, 16 ottobre 2018 il 70esimo anniversario di matrimonio di Maria Dini, 92 anni, e Quinto Giovannini, 94, che sabato scorso hanno celebrato queste “nozze di ferro” a casa loro insieme a una 50ina di persone, tra familiari, amici e vicini di casa. Si è unito ai festeggiamenti anche il Sindaco di Bibbiena Daniele Bernardini, che si è definito “onorato di poter portare il saluto e gli auguri a nome di tutta la comunità a una coppia che rappresenta un esempio per aver raggiunto un traguardo così straordinario, dopo una vita di duro lavoro e tanti sacrifici”. A far visita alla coppia, prima dell’arrivo degli invitati, anche Padre Giuseppe del Santuario di Santa Maria del Sasso per la sua benedizione.

La coppia si è unita in matrimonio il 16 ottobre del 1948. Maria, di Chitignano, e Quinto, di Bibbiena, si erano conosciuti due anni prima a vendemmiare. La cerimonia si era svolta in Chiesa nel paese della sposa, insieme a un’altra coppia, composta dalla sorella di Maria, Beppina, e dal marito Italo. Con la sorella, Maria era andata fino ad Arezzo per comprare l’abito da cerimonia. Pur di far sposare le figlie secondo i loro desideri babbo Domenico aveva chiesto un prestito al Podestà, promettendo di saldare il debito con l’olio prodotto di lì a poco. Il fotografo, invece, quando era arrivato in Chiesa l’avevano dovuto mandar via perché non avevano abbastanza soldi per pagarlo. In compenso, le uova erano così tante che una cuoca aveva preparato tanti piccoli berlingozzi, che poi gli invitati avevano tirato agli sposi, insieme ai confetti, all’uscita di Chiesa. Dopo la colazione, fatta con una trentina di parenti e amici, avevano avuto la fortuna di prendere la corriera nuova di zecca per Bibbiena. L’incanto però era durato poco, perché già il giorno dopo il matrimonio erano di nuovo a lavorare nei campi del podere La Coccaia. Qui hanno vissuto insieme alla famiglia di Quinto fino al ‘68, quando si sono spostati nel centro storico del paese, per poi acquistare la casa di via della Fornace. Già un anno dopo il matrimonio nasce la prima figlia, Gina, e nel 1954 Alessandro. Oltre ai figli, Maria e Quinto hanno due nipoti, Andrea e Valentina, e da questi due bisnipoti, Samuel e Dalia.

Dalla nipote e dal figlio, residenti in Casentino, è partita l’idea di festeggiare questo importante traguardo, per creare un’occasione di svago e di incontro con le persone care, ma soprattutto per celebrare la vittoria di Quinto e Maria sull’amore e sull’età, restando insieme tutta la vita con impegno e pazienza, superando le piccole e grandi prove di tutti i giorni, come coppia, coi figli e ora con gli acciacchi dell’età.

Ora avanti tutta verso la prossima festa, sempre uniti, per il traguardo delle nozze di platino!

Maria e Quinto con il Sindaco Daniele Bernardini
Maria e Quinto con il figlio Alessandro e la moglie Daniela, la nipote Valentina e il marito Christian, la bisnipote Dalia.
CONDIVIDI
Articolo precedenteBando del Gal Appennino Aretino per la “Riqualificazione e valorizzazione del patrimonio culturale”
Prossimo articoloEVENTO UNICO A SOCI: MASTERCLASS DI CLARINETTO CON IL PRIMO CLARINETTO DELLA SCALA di MILANO FABRIZIO MELONI
Valentina Giovannini
Nata nel 1981 a Bibbiena, dove ha vissuto fino al 2012, prima di andare a vivere con il marito nella campagna casentinese, nel Comune di Castel Focognano. Nel 2015 è nata sua figlia Dalia. Dal 2007 è iscritta all'Ordine Nazionale dei Giornalisti - elenco pubblicisti. Dal 2004 al 2008 ha collaborato con il mensile Casentino 2000, dal 2008 al 2012 è stata la corrispondente del Corriere di Arezzo per Bibbiena ed i Comuni del centro e basso Casentino. Collabora con Casentino Più dal 2014. E' anche addetta stampa del Gruppo Sabandieratori e Musici Città di Bibbiena, del Carnevale Storico di Bibbiena e dell'associazione "Mauro Grifoni Forever" del Corsalone (Chiusi della Verna). Nel 2009 si laurea in Studi linguistici e culturali (inglese, spagnolo e francese) presso l'Università di Siena. Per l'a.a. 2004/2005 vince una borsa di studio del MIUR e lavora come assistente di lingua italiana a Madrid. Nel 2006, a cavallo tra la laurea triennale e la magistrale, segue un Master in traduzione tecnico-scientifica a Torino, poi nel 2010 un Master in Comunicazione Pubblica e Politica presso l'Università di Pisa. Dal 2006 al 2008 lavora prima nell'ufficio commerciale import-export di Tacconi Sport, poi nell'amministrazione di CEG, finché nel 2008 entra nell'amministrazione provinciale di Arezzo tramite concorso. Dal Servizio Finanze e Bilancio passa al Servizio Promozione, con mansioni legate alla valorizzazione dei prodotti agro-alimentari del territorio e delle fattorie didattiche, nonché relativa organizzazione di eventi e comunicazione. In tale periodo è tra i redattori del mensile della Provincia di Arezzo e del portale arezzo.intoscana.it. Passa nel 2013 al Servizio che si occupa delle aree protette della provincia di Arezzo e nel 2016, a seguito del trasferimento di funzioni alla Regione Toscana, al Settore Tutela della Natura e del Mare della stessa, per il quale è referente della comunicazione e relativo redattore diffuso del sito istituzionale.