Officine Capodarno, un corso per sostenere le botteghe storiche e l’artigianato

Officine Capodarno, attraverso Pegaso networks, cavalca la quarta rivoluzione industriale, la digital revolution dell’era dell’informazione e aiuta gli artigiani del territorio a recuperare l’appuntamento con il futuro, attraverso un percorso di formazione sulla digitalizzazione.
Il tutto è legato ai bandi emessi dalla Regione Toscana con scadenza il 15 maggio 2021
Questo il link di riferimento: www.regione.toscana.it
Il corso proposto da officine Capodarno e diretto ad artigiani, ha un titolo molto significativo: Artigianato- La fusione tra creatività e tecnologia nel marketing. Si tratta di 50 ore di formazione che insisteranno sulla necessità di apprendere nuove operatività che consentano di abbinare la manualità e la creatività antiche alle nuove tecnologie.
Gli elementi del corso sono molteplici: dall’esperienza cre-attiva di acquisto, alla progettazione di un’esperienza digitale, visual storytelling, sapere presentare le proprie esperienze con video, fotografie o ricostruzioni 3D sui propri siti web, sulle piattaforme social (Facebook, Instagram, YouTube e Twitter) e su Google Arts & Culture.
Silvia Poponcini responsabile del percorso formativo commenta: “Si tratta di un progetto volto a migliorare la competitività dei nostri artigiani, dando loro uno sguardo verso il digitale e quindi nuovi mercati rendendo i loro prodotti una vera e propria esperienza di acquisto”.
Con il termine “Artigianato 4.0” ci si riferisce a tutte quelle attività artigianali che coniugano tecniche tradizionali e manuali a tecniche digitali sia per quel che riguarda i processi produttivi che per quel che riguarda i processi di promozione in un mercato globale ma soprattutto connesso.
Grazie a questa nuova rivoluzione digitale insieme a sperimentazione, ricerca, contaminazione e nuove modalità di produzione, un settore che stava scomparendo come l’artigianato, si sta imponendo su nuovi scenari economici.
L’artigianato proprio grazie ad una nuova sensibilità si è reinventato ed evoluto ponendo delle basi più sicure per il Made in Italy. Ma non solo, perché esiste una connessione molto forte tra artigianato e montagna come spiega Silvia Poponcini: “L’artigianato agisce come ponte tra generazioni, altro fattore estremamente importante per comprendere il ruolo che esso può svolgere nelle zone di montagna, perché contribuisce a formare i giovani all’interno delle imprese, dando loro una prospettiva di inserimento dentro la realtà produttiva e del mondo del lavoro. Non dimentichiamo il ruolo dell’artigianato nello sviluppo identitario del territorio. Mantenere la vitalità di queste micro aziende all’interno dei nostri territori è fondamentale per la loro sopravvivenza futura. Ma per farlo anche queste aziende e i loro rappresentanti deve cambiare direzione e cogliere l’occasione che il digitale ci sta offrendo”.
Coloro che fossero interessati a questo percorso possono contattare Officine Capodarno oppure chiamare direttamente Silvia Poponcini al numero 3355800261.

Silvia Poponcini

 

 

Ultimi Articoli

Al via i lavori di ampliamento dell’asilo nido di Poppi

Ci saranno altri 20 posti disponibili di cui 6 per lattanti  Poppi (AR) - Hanno preso ufficialmente il via i lavori di realizzazione dell’ampliamento della...

Gli alunni dell’IC Alto Casentino in partenza sul treno della memoria: destinazione Auschwitz

Sette giorni di viaggio sulle tracce della memoria Pratovecchio Stia (AR) - Sono 28 gli studenti della Secondaria di primo grado dell’IC “Alto Casentino” che...

Al via il progetto rivolto ai giovani inoccupati e promosso dall’Unione dei Comuni del Casentino

Tante le azioni messe in campo per i giovani L’Unione dei Comuni Montani del Casentino ha dato il via al progetto con cui ha vinto...