Partono i finanziamenti per il progetto ANCI “Coltiviamo la montagna”

Implementare il livello di formazione di agricoltori in ottica di sviluppo tecnologico e secondo modelli di sostenibilità ambientale ed economica; sensibilizzare gli operatori sulle tematiche agroambientali correlate alla difesa e alla salvaguardia del suolo e dell’acqua; ampliare le conoscenze degli operatori del settore agricolo forestale, sia in ambito privato che pubblico; formazione, informazione e condivisione di esperienze sui metodi relativi alla sostenibilità delle tecniche produttive e alle norme di condizionalità con particolare riferimento alle risorse “acqua”, “suolo” ed “energia”; sviluppare opportunità occupazionali. Queste alcune delle finalità dei corsi professionali sulle opportunità dell’agricoltura previsti dal progetto Anci Toscana “Coltiviamo la montagna – le opportunità dell’agricoltura nei territori rurali”, presentato nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione, che è stato ammesso e finanziato.
“Coltiviamo la montagna”, promosso con il patrocinio dell’Accademia dei Georgofili e dell’Accademia Italiana di Scienze Forestali, rappresenta una importante innovazione nel suo campo. Si tratta di una serie articolata e completa di corsi gratuiti, che si terranno prevalentemente nelle zone montane della Toscana, ma comunque rivolti sia agli operatori del settore, sia agli amministratori comunali della regione. L’obiettivo è quello di incentivare lo sviluppo del territorio valorizzandone potenzialità, opportunità e specificità; in particolare, attraverso l’analisi dei vari contesti, si cercherà di incentivare la creazione di servizi, occupazione e opportunità di crescita economica. Inoltre il progetto punta alla salvaguardia del territorio e delle sue risorse anche con la promozione di metodi produttivi conservativi, biologici e biodinamici. Si va dal marketing all’accesso al credito, dalla gestione biodinamica a quella delle acque, dalla tutela del suolo alle fonti energetiche rinnovabili, dalla pianificazione territoriale all’apicoltura, dalla sicurezza nei cantieri alla filiera del legno. I corsi saranno tenuti da docenti di studi professionali e dell’ambito universitario; per ogni corso sono previste più edizioni che verranno attivate sulla base delle manifestazioni d’interesse pervenute.

Anche gli amministratori del Casentino sono stati invitati lo scorso lunedì 2 ottobre alla presentazione del pacchetto di corsi professionalizzanti appena finanziati.

http://www.ancitoscana.it

Ultimi Articoli

Scuola, cultura e turismo: l’amministrazione comunale di C. Focognano fa il resoconto di fine mandato

In questo quinquennio la scuola è stata una priorità per l’amministrazione comunale sia per i corposi interventi effettuati - efficientamento energetico, impianti di illuminazione,...

Alla Fondazione Baracchi “L’età grande”: incontro con Gabriella Caramore, conduttrice radiofonica e scrittrice

Martedì 16 aprile una riflessione sulla fase più matura della vita alla Fondazione Baracchi Uno sguardo profondo, attento, stimolante sulla fase più matura della vita....

Il Centro Civico di Soci si arricchisce di nuovi servizi

Al Centro Civico di Soci arriva un nuovo servizio per i cittadini. Si tratta dell’estensione del servizio di sportello di facilitazione digitale già presente...