PD Bibbiena: “Per il sindaco di Bibbiena i malati Covid vanno curati sotto una tenda”

Foto di Carlo Gabrielli

Comunicato stampa PD Bibbiena

Se prendete il covid, il sindaco di Bibbiena vi farebbe curare sotto una tenda. Purtroppo non è una nostra provocazione, ma la preoccupante idea proposta dal sindaco di Arezzo, sostenuta da quello di Bibbiena. L’idea è stata rigettata in blocco dalla Asl, dai medici, dalla Regione e da tutti gli altri sindaci della provincia di Arezzo, sia di destra che di sinistra. L’unico, e sottolineiamo l’unico, che, come nell’affaire Coingas, si è schierato a favore di questa fantasiosa proposta è il sindaco di Bibbiena. Ergo, per il sindaco di Bibbiena, i malati di covid vanno curati sotto una tenda, in un ospedale da campo, come durante la guerra, anche se i medici dicono che non è possibile, non è sicuro e che comunque mancherebbe il personale specializzato.

Non abbiamo fatto in tempo a metabolizzare questa notizia che il nostro sindaco è già tornato agli onori delle cronache per un’altra crociata: dire no alla cura dei malati di covid presso una zona a ciò dedicata e debitamente isolata dell’Ospedale del Casentino, soltanto qualora non vi fossero altre alternative, e si dice pronto ad opporsi in ogni modo.

Ma opporsi a cosa, visto che al momento non risulta esserci nessuna proposta ufficiale di trasformare una parte del complesso dell’ospedale casentinese in ospedale covid? Allora, se il sindaco di Bibbiena sa cose che i cittadini non conoscono le dica chiaramente, per dovere di trasparenza; in caso contrario a cosa si oppone? Non si sa, ma intanto c’è il suo nome sul giornale e nessuno parla più della sua proposta di mettere i malati sotto un tendone.

Noi però siamo qui a ricordaglielo, ed a ricordarcelo.

PD Bibbiena