Sabato 29 settembre le millenarie pievi altocasentinesi saranno protagoniste dell’incontro dal titolo “Le Pievi romaniche fiesolane fra Casentino e Valdarno. Ricerca, promozione, divulgazione, fruizione”, in programma alle ore 15.30 presso la pieve romanica di S. Maria Assunta di Stia.
La giornata, organizzata dal Comune di Pratovecchio Stia con la partecipazione di docenti e ricercatori universitari, storici locali e figure legate al mondo della promozione culturale, vuole essere un momento di incontro e di sintesi su una tematica centrale nell’ambito delle strategie di promozione territoriale, che vede nelle pievi presenti fra Casentino e Valdarno un fulcro importante dell’attrazione turistica del territorio, oltre che di saldo emblema della sua identità socio-culturale.
“Ci auspichiamo – commenta Francesco Trenti, assessore alla cultura del Comune di Pratovecchio Stia- che questa possa essere l’occasione di discutere e approfondire il tema dell’architettura religiosa rurale in un’ottica di contestualizzazione, interdipendenza e interconnessione, alla luce anche del recente sviluppo delle reti sentieristiche e di cammini che sempre più attraversano i nostri territori”.
Nel corso dell’incontro verrà inoltre presentata la pubblicazione curata da Alessandro Ferrini, “Architettura e Natura in Toscana. Otto stupende pievi romaniche come filo conduttore per scoprire Casentino, Valdarno e massiccio del Pratomagno”, edita da Arti Grafiche Cianferoni.

Comunicato stampa
Pratovecchio Stia, 27 settembre 2018