“Semplicemente non eravamo a conoscenza dell’evento e non siamo stati invitati”: risponde così l’Amministrazione comunale di Castel Focognano, accusata dalla minoranza “Civicamente” di aver tenuto un comportamento “vergognoso” per non aver partecipato alla presentazione del libro di Anna Maria Vignali lo scorso 7 agosto a Chitignano, nella Sala del Consiglio Comunale. “Ricordo che chiesi questa pubblicazione alla stessa autrice e che lei gentilmente si offrì di consegnarmela in una delle tante serate trascorse all’Università della libera età di Subbiano – ha raccontato l’assessore alla scuola e cultura Rosetta Chianucci – lessi il libro con piacere e mi complimentai pubblicamente con Anna Maria perchè questo libro, insieme ad altri suoi scritti, sono custoditi in uno scaffale della mia libreria. Conosco bene le emozioni che sa regalarci Anna Maria Vignali perché, oltre ad aver letto i suoi libri, ho avuto il piacere di seguirla in varie circostanze, dai suoi interventi durante i “Giovedì di Rassina” organizzati insieme alla dottoressa Cecilia Gandolfo e alla psicoterapeuta Denise Pantuso, nei quali la scrittrice leggeva brevi ma intensi passaggi dei suoi scritti accompagnati da profonde considerazioni sui vari argomenti trattati, a quelli organizzati all’università della libera età di Subbiano, in uno dei quali analizzava il paesaggio dei Promessi Sposi di Alessandro Manzoni e, nell’altro, la figura femminile di Madame Bovary di Gustave Flaubert.

La scrittrice Anna Maria Vignali

Anna Maria riesce ad offrire, ogni volta, spunti per approfondimenti e riflessioni con una grande capacità narrativa ed ha avuto, meritatamente, premi letterari anche internazionali e riconoscimenti molto significativi. Alla nostra illustre concittadina, che porta alto e ovunque con orgoglio l’appartenenza alla comunità di Castel Focognano, rinnovo ancora i miei complimenti”. Il rammarico per gli amministratori è che non siano state prese le distanze dalla polemica condivisa all’indomani della presentazione del suo libro, proprio sulla mancata partecipazione degli stessi all’evento. “Potrei giustificare la nostra mancata partecipazione dicendo, senza paura di essere smentita, che non ne eravamo a conoscenza e, per di più, che non abbiamo ricevuto alcun invito né personale né ufficiale dall’associazione o da chi ha organizzato l’evento – ha concluso la Chianucci – anche se polemiche così sterili, modeste e fuori luogo non meriterebbero risposta, vorrei cogliere l’occasione per invitare a dialettiche più corrette, evitando accuse gratuite e offensive. Non sarebbe stato meglio per chi si è perso in queste piccinerie, aver dedicato quel tempo ad una buona lettura, magari con una delle tante pubblicazione della ‘nostra’ Anna Maria Vignali?”.

Comunicato stampa
Unione dei Comuni Montani del Casentino
Poppi, 26 agosto 2019