Poppi, il Mercato Contadino diventa un appuntamento fisso

Sostegno alle aziende agricole, tutela dell’ambiente, prezzi equi e sviluppo locale: appuntamento a Poppi con il mercato contadino.

Un’opportunità per i cittadini di acquistare prodotti locali, di qualità e a km zero, sostenendo le aziende agricole, tutelando l’ambiente e assicurando prezzi equi e sviluppo locale. A Poppi si conferma in pianta stabile il mercato contadino, e così quello che doveva essere solo un esperimento limitato nel tempo diventa un progetto reale e concreto grazie all’amministrazione comunale di Poppi che ha accolto la richiesta del Biodistretto Casentino e si è attivata per organizzare quello che sarà a tutti gli effetti un appuntamento fisso del sabato mattina in piazza Risorgimento a Ponte a Poppi. L’iniziativa prenderà il via in pianta stabile da agosto, ogni secondo e quarto sabato del mese, e coinvolgerà gli imprenditori agricoli che svolgono un’agricoltura di tipo contadino e soggetti costituiti in forma associata, come cooperative, consorzi e associazioni. Nel mercato potranno essere venduti soltanto beni direttamente prodotti o trasformati, etichettati e certificati e i produttori nel rispetto delle norme igienico-sanitarie vigenti, potranno organizzare degustazioni, attività didattiche e dimostrative legate ai prodotti alimentari, tradizionali ed artigianali del territorio locale. Sarà invece assolutamente vietato vendere prodotti assimilati alla somministrazione di bevande e alimenti.

“Siamo molto soddisfatti e orgogliosi di annunciare il via di questa iniziativa che dopo un periodo sperimentale diventa un appuntamento fisso, un’opportunità per i cittadini di acquistare prodotti di qualità, certificati e a km0 direttamente dai produttori agricoli del territorio e a prezzi equi – ha dichiarato il consigliere comunale con delega alle attività produttive Claudio Barolo – l’obiettivo è quello di favorire lo sviluppo locale attraverso la valorizzazione delle risorse territoriali e la creazione di un rapporto di fiducia tra consumatori e produttori, di migliorare la qualità della vita nelle zone di montagna, garantendo prodotti certificati e ad un giusto rapporto qualità-prezzo, ma anche assicurare trasparenza nei confronti della provenienza e del prezzo. Ringrazio il Biodistretto per la proposta e la collaborazione e il Corpo di Polizia Municipale dell’Unione dei Comuni Montani del Casentino che si è occupata di tutta la parte disciplinare”.

 

Ultimi Articoli

Pratovecchio, “Buono, pulito e giusto”: verso nuove alleanze?

Le realtà del Casentino si avviano verso un nuovo modo di collaborazione che unifichi le progettualità allo scopo di creare sempre più sinergie all’interno...

Un nuovo percorso al Museo Archeologico del Casentino

Domenica 3 luglio alle ore 17 si inaugurerà a Bibbiena un percorso culturale di grande valore per il Museo Archeologico del Casentino. Si tratta...

Imagine Camp, il campo da basket di Santa Maria inaugurato tra emozione e progetti futuri

Domenica 26 giugno è stato inaugurato l’Immagine Camp di Santa Maria, l’undicesima area dedicata ai giovani. Grazie all’interessamento del Rotary Club Casentino l’intera area è...